Ziliani duro con Gravina: “La Serie B è nel caos ma lui è sereno perché ha salvato il brand Juventus”

Foto: sito ufficiale FIGC

La Serie B è nel caos più totale. Il Lecco, che sembrava aver risolto i problemi di iscrizione, è ripiombato nell’incubo della Serie D. I lombardi, infatti, sono stati di nuovo esclusi dalla Serie B dopo il ricorso accolto dal TAR del Perugia. Anche il Brescia è stato ripescato momentaneamente in cadetteria, mentre la Reggina ed il Siena sono stati spediti tra i dilettanti. Il presidente del Lecco, Paolo Di Nunno, non ci sta e farà un altro ricorso per riacquisire di diritto la Serie B vinta sul campo.

Da oggi puoi essere sempre aggiornato sulle nostre news seguendoci su Google News, mettendo il tuo like alla pagina Facebook di Mondocalcionews.it e iscrivendoti al nostro canale Telegram. USA ANCHE I NOSTRI CODICI SCONTO PER RISPARMIARE SUI TUOI ACQUISTI ONLINE CLICCANDO QUI.

Il presidente del Lecco Paolo Di Nunno ha rilasciato delle dichiarazioni in esclusiva a Sportitalia riguardo la diatriba dell'iscrizione in Serie B.

LEGGI ANCHE: Lecco, il presidente Di Nunno sbotta: “Cellino voleva farmi le scarpe, se mi avessero mandato in D avrei lasciato il calcio”

Sulla vicenda è intervenuto il giornalista Paolo Ziliani che, su Twitter, ha attaccato duramente il presidente della FIGC Gabriele Gravina:

LEGGI ANCHE: Svolta Juventus, Allegri lo reintegra a sorpresa in squadra: non verrà venduto, partirà in tournée negli Stati Uniti

Foto: profilo Twitter FIGC

“La Serie B è nel caos, il Lecco senza colpe spedito in Terza Categoria, la Reggina nei dilettanti, il Perugia e il Brescia ripescati, ricorsi al TAR, non si sa se si giocherà a 20, 21 o 22 squadre ma Gravina è sereno: lui ha salvaguardato il brand della Juventus, tutto il resto è noia”