Xavi è convinto che l'inversione di rotta del Barcellona sia la decisione giusta

Xavi crede che restare al Barcellona sia la decisione giusta dopo aver fatto un'inversione di marcia dopo aver lasciato il club.

Mercoledì sono emerse notizie secondo cui Xavi, che inizialmente aveva deciso di lasciare il Barça a fine stagione, aveva cambiato idea.

La conferma è arrivata giovedì, con Xavi e il presidente del club del Barça, Joan Laporta, in conferenza stampa.

E Xavi non ha dubbi che stia facendo la scelta giusta.

“Sapete che sono un grande tifoso del Barcellona e cerco sempre di fare il meglio per il club”, ha detto, come riportato da Football Espana.

“La cosa più importante è pensare all’istituzione. Quando abbiamo incontrato il presidente ho messo a sua disposizione la mia posizione, ma ho visto che godo di grande fiducia da parte del presidente e di tutto il consiglio.

“I giocatori sono stati molto importanti, mi hanno fatto capire che questo progetto deve continuare. Stiamo lavorando bene, è un progetto vincente. Il progetto non è finito.

“Anche i tifosi mi hanno fatto capire che devo continuare. Anche il personale. Penso a cosa è meglio per il club.

“A gennaio pensavo che fosse meglio andare via, ma ora la vedo diversamente. Penso che sia la decisione migliore.

“Sono impegnato al 100%. La fiducia che hanno riposto in me è spettacolare. Andiamo a lavorare.”

Secondo quanto riferito, i colloqui cruciali con Laporta sono stati fondamentali per la decisione di Xavi, e il presidente del Barça ha aggiunto: “È una grande notizia che Xavi resti. La stabilità è una delle chiavi del successo”.

Da quando ha assunto la guida del Barça nel 2022, ha diretto 137 partite in tutte le competizioni, vincendone 85 (62%), pareggiando 24 e perdendone 28.

La sua squadra ha segnato 261 gol, vincendo due trofei: il titolo LaLiga 2022-23 e la Supercopa de Espana 2022-23.

La sconfitta in extremis del Barça a El Clasico lo scorso fine settimana li ha visti cadere a 11 punti dalla capolista Real Madrid con solo sei partite rimaste.

Lascia un commento