Torino-Bologna, parla Juric: “Abbiamo dominato la partita per tutti e novanta minuti”

Foto: screenshot video canale YouTube Torino

Ai microfoni di Sky Sport è intervenuto al termine della partita vinta contro il Bologna, Ivan Juric il quale ha rilasciato a caldo queste dichiarazioni:

La partita di oggi è quella che si aspettava?
“Abbiamo fatto una grande partita, dominata dall’inizio alla fine. Il risultato è un po’ corto per quello che abbiamo visto, potevamo segnare molti più gol. Devono dare un salto di qualità mentale anche se oggi l’hanno fatto nella voglia di vincere. Stiamo trovando il gioco e sono molto soddisfatto”.

Qual è l’idea del Toro che non è stata realizzata?
“Io penso che sono il più grande aziendalista che c’è, basta vedere cosa abbiamo fatto a Verona. I giocatori che abbiamo preso li abbiamo presi per crescerli e venderli. Senza praticamente fare investimenti ma scegliendo bene i giocatori. Accetto che vengano i giovani e mi piace creare una prospettiva diversa. Per le squadre medie è l’unica cosa da fare. Io chiedo il concetto e non i giocatori. Non penso esclusivamente al risultato ma alla programmazione per crescere, anche la società che ha tutto per crescere, dal pubblico al presidente. Ci voleva più coraggio e mi auguro che il presidente mi creda, che non penso a me stesso e che penso alla società. Lì ci scontriamo. La squadra è ottimma, mancano alternative per crescere e in certe cose dovevamo fare meglio”.

Lei intende dire che c’è bisogno anche di vendere qualche giocatore ancorato al recente passato?
“C’è un po’ di tutto. È normale che il Toro arrivi da periodi con investimenti allucinanti, come comprare giocatori a 20 milioni. Investimenti diversi come fatto con Ilic da vice Veloso. Costruire con una logica per capire chi sono questi calciatori che possono crescere e migliorare. Noi siamo uno staff che lavora tanto e che può migliorare tanto. Siamo aziendalisti il più possibili, io non faccio bordello se non mi prendono un calciatore. Sono più aziendalista del presidente. Il nostro staff ha un’altra ottica rispetto ad altri”.

In passato ha avuto qualche esplosione rispetto al club, come mai?
A Verona sono andato oltre al buon comportamento. Ho fatto un grande errore rispetto al presidente. A volte vado oltre perché vivo tutto a mille. Altri ci vedono e pensano che siamo fuori di testa. Ho fatto degli errori negli anni passati e mi sono comportato male e spero di non farlo più anche se poi ogni tanto esce. Il bene della società è il mio unico pensiero, e vado su questa squadra.

Come sta Bremer?
“Spero che non sia niente, ha avuto un dolore al polpaccio e ha giocato per altri 20 minuti. Spero che non sia successo niente e che recuperi presto”.

Leggi anche: Sampdoria, senti Ranieri: “;Ho deciso di andarmene perché non sentivo più trasporto”

Lascia un commento