Tifosi del Milan furiosi col giocatore: “Brutto coglio*e pezzo di m*rda, col tuo video mi ci pulisco il c*lo. Sei un altro mercenario come Donnarumma”

Ormai siamo al capolinea di una storia iniziata bene ma terminata non nel migliore dei modi. La prima cessione del Milan in questa sessione di calciomercato estivo si sta per materializzare. Alcuni tifosi rossoneri, però, non hanno preso benissimo il trasferimento, insultando il giocatore sui social.

Da oggi puoi essere sempre aggiornato sulle nostre news seguendoci su Google News, mettendo il tuo like alla pagina Facebook dI Mondocalcionews.it e iscrivendoti al nostro canale Telegram.

Stiamo parlando ovviamente di Sandro Tonali, che con un post su Instagram, ha detto addio alla sua squadra del cuore. Il centrocampista azzurro si accaserà al Newcastle e guadagnerà ben 8 milioni di euro a stagione. Il Milan incasserà una cifra attorno ai 70 milioni di euro più eventuali bonus. Di seguito il comunicato ufficiale del Milan:

“Ufficiale la cessione del centrocampista al Newcastle United FC. AC Milan comunica di aver ceduto, a titolo definitivo, il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Sandro Tonali al Newcastle United FC. Il Club ringrazia il centrocampista per i tre anni splendidi vissuti insieme e gli augura le migliori soddisfazioni personali e professionali”. Non solo il comunicato ma anche il messaggio su Twitter per salutare il centrocampista: “È stato un bellissimo viaggio insieme. La tua famiglia rossonera ti augura il meglio!”.

CALCIOMERCATO MILAN, TONALI AL NEWCASTLE: ALCUNI TIFOSI ROSSONERI LO INSULTANO SUI SOCIAL

Non si sono fatti attendere i primi commenti di alcuni tifosi del Milan che, sui social, hanno bersagliato di insulti Sandro Tonali. Il centrocampista rossonero ha sempre professato amore eterno alla maglia, e forse i tifosi si sono sentiti presi in giro dalla sua scelta di trasferirsi in Premier League. Di seguito alcuni posti pubblicati su Twitter.

Foto: profilo Twitter Milan

LEGGI ANCHE: Clamoroso Milan, Cardinale richiama Maldini: c’è l’annuncio

LEGGI ANCHE