Serie C, alla scoperta dell’Under-21 Mattia Morello

Fonte foto: Profilo Twitter U.S. Pergolettese

SEGUICI SU

Mattia Morello è uno dei migliori Under-21 della Serie C. Ecco cosa pensa il talentino della Pergolettese

La Pergolettese ha trovato un talento e il suo nome è Mattia Morello. La grande stagione del giocatore classe 1999 è sotto gli occhi di tutti. Con la Pergolettese è giù riuscito a sfornare sette assist vincenti e sette gol in 22 presenze, in pratica il 50% dei gol della squadra. Tanti i talent scout che hanno messo gli occhi sul giovane italiano nato e cresciuto nella Pergolettese fin dall’età di otto anni, diventando così un simbolo del calcio giovanile che cresce. Con la Pergolettese, Morello ha tagliato il traguardo delle 100 presenze, riuscendo a segnare la rete dell’1-0 alla Pistoiese.

Magic moment per Morello che ha concesso un’intervista, al sito Gianlucadimarzio.com, raccontando dei suoi sogni e delle sue ambizioni.

Morello sulla decisione di andare alla Pergolettese

“Il Napoli si era fatto avanti, così come Monza, Sassuolo, Cremonese e Frosinone. A gennaio, insieme ai miei procuratori, abbiamo parlato con il presidente dicendo che sarei rimasto. A giugno, tutti insieme, valuteremo le proposte. In questo momento devo solo pensare a far bene in campo”.

Morello sui suoi punti di riferimento

“De Paola è l’allenatore che merita una menzione specialeÈ stato la guida tecnica della Pergolettese nel mio primo anno in Serie D, lui mi ha dato continuità e fiducia e oggi è di nuovo qui. L’allenatore che tatticamente mi ha dato di più, invece, è Contini con il quale abbiamo vinto il campionato in Serie D“.

Morello sugli obbiettivi stagionali

“L’obiettivo è salvarci senza passare dai play-out, già lo scorso anno abbiamo faticato molto. Raggiungiamo la salvezza e poi non ci poniamo liberi. Siamo una buona squadra, che può vincere e perdere con tutti: l’abbiamo dimostrato perdendo con la Lucchese e vincendo contro la Carrarese”.

Morello e il sogno nel cassetto

Diventare un giocatore di Serie A“.

Fonte: Gianlucadimarzio.com

COMMENTA L'ARTICOLO