Fermana-Arezzo 0-0, Camplone: “Arrivavamo con l’acqua alla gola, punto che fa morale”

arezzo camplone
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Nello scontro diretto per la salvezza andato in scena in quel di Fermo, l’Arezzo di Andrea Camplone, chiamato a vincere per avvicinarsi proprio alla Fermana avanti di 4 punti nel Girone B di Serie C, non è andato oltre lo 0-0, collezionando un altro, l’ennesimo, risultato deludente. La squadra, con una rosa sicuramente da zone più nobili, non riesce ancora ad ingranare e si trova adesso nel baratro dell’ultimo posto in campionato, complice la vittoria del Fano sul Legnago. Queste le parole di Andrea Camplone, tecnico dell’Arezzo, nel post gara contro la Fermana:

SULLA PARTITA: “Purtroppo siamo stati paurosi oggi, arrivavamo con l’acqua alla gola dopo i 4 gol subiti la scorsa settimana. Siamo in difficoltà mentale, non potevamo essere sbarazzini e spigliati, abbiamo fatto poco dal punto di vista del gioco. Un punto che fa morale e classifica. Sappiamo che il nostro obiettivo è la salvezza“.

SUL NUOVO MODULO: “Abbiamo provato un nuovo modulo che ci può dare nuove soluzioni. Cerchiamo nuovo assetto in modo da difenderci con un uomo in più. Modulo dipende da chi incrociamo, il 3-5-2 ha bisogno di essere provato molto, ci sono molte rotazioni da fare. Oggi lo abbiamo proposto ma in maniera molto scolastica e semplice. Abbiamo coperto gli spazi, non abbiamo fatto ripartire gli avversari con le marcature preventive.  Abbiamo rischiato qualcosina ma solo nel finale, siamo calati un pochino”.

SULLA DIFESA: “Abbiamo forse risolto in difesa forse, non subendo gol, ma non abbiamo mai creato niente in attacco. Abbiamo coperto benissimo, loro sono arrivati pochissimo dalle nostre parti. Dobbiamo trovare la giusta quadra, con la difesa 5 e le 2 punte. Luciani è un difensore a cui però piace spingere molto, così come Belloni o Benucci dall’altra parte, abbiamo una punta in più che si può inserire di volta in volta. Non abbiamo le settimane tipo, dobbiamo prepararci sempre in 2 giorni“.

A fine partita ha parlato anche Diego Borghini, difensore dell’Arezzo:

Borghini: “Partita fisicamente e mentalmente dura. L’abbiamo affrontata nel modo giusto, brutti da vedere ma tosti, ci siamo difesi bene. Mettere un difensore in più ci ha dato sicurezza dietro. Fisicamente nel finale ci siamo arrivati stanchi ma l’atteggiamento è stato quello giusto. Vogliamo migliorare tatticamente e tecnicamente, i problemi da risolvere sono ancora tanti. Siamo sulla strada giusta“.

Foto:  profilo Facebook S.S. Arezzo

COMMENTA L'ARTICOLO