Catanzaro, Samuele Anastasio : ” Il Catanzaro lotterà fino alla fine per vincere il campionato “

29 Dicembre 2018 - 18:43 di [ Articolo letto: 732 volte ]

Samuele Anastasio telecronista di Eleven Sports per le partite casalinghe del Catanzaro in esclusiva per mondocalcionews

Samuele, ci può fare un bilancio del 2018 del Catanzaro?

” Il 2018 del Catanzaro, a mio viso, è stato a due facce. Le vicende extracalcistiche della passata stagione hanno sicuramente condizionato la nuova gestione del presidente Noto con i giallorossi che si sono salvati facendo un campionato mediocre. In questa stagione invece, con l’arrivo di Gaetano Auteri e di tanti ottimi giocatori , le aquile sono tornate nelle zone alte della classifica : 9 vittorie , 4 pareggi e 4 sconfitte sono un ottimo bottino “.

Il presidente del Catanzaro Floriano Noto e il tecnico del Catanzaro Gaetano Auteri photocredits : Romana Monteverde

Cosa manca al Catanzaro per competere con le altre squadre candidate al vertice?

” Nel Catanzaro non manca nulla secondo me , forse la squadra non è abituata, visto gli ultimi anni quasi disastrosi, a trovarsi nei piani alti della classifica, ma sono convinto che il campionato è ancora molto lungo e nella seconda parte della stagione farà ancora meglio ” .

Il Catanzaro 2018/2019 photocredits : Romana Monteverde

Si avvicina il calciomercato invernale . Secondo lei qual’è il reparto in cui la società giallorossa interverrà in sede di mercato?

” Sicuramente il gruppo formatosi quest’anno a Catanzaro è molto compatto, la società giallorossa per cui dovrà cercare un profilo, un calciatore utile alla causa. Probabilmente interverrà a centrocampo e in attacco per far si che qualche giocatore possa rifiatare e trovare le energie necessarie per la parte finale della stagione “.

Qual’è stato secondo lei l’avversario più ostico affrontato dal Catanzaro?

” Ho visto quasi tutte le partite dei giallorossi , sia in casa che in trasferta , e devo dire che il Catanzaro non hai mai dato l’impressione di poter perdere il match o di essere sottomesso dal punto di vista del gioco. Sicuramente le squadre che si chiudono , con centrocampisti forti fisicamente, che commettono falli e spezzettano il gioco , mettono maggiormente in difficoltà le squadre di Auteri . L’altro avversario ostico sono i terreni di alcuni stadi inadeguati per una lega professionistica come la Serie C “.

Cosa pensa della classe arbitrale tanto contestata dal Catanzaro e anche da altre società?

” Penso che la lega debba intervenire e debba trovare delle soluzioni necessarie, perché è impensabile che gli arbitri di Can Pro non vengono considerati dei professionisti e prendono un insufficiente e scarso compenso per dirigere le partite. Ripeto, stiamo parlando della terza serie del calcio italiano, una lega professionistica “.

E se con arbitri degni il Catanzaro, a fronte dei punti che mancano, avrebbe potuto giocarsi il campionato?

” Io non parlerei di arbitri degni o in malafede , ma di arbitri più attenti. Effettivamente se alcune decisioni nelle partite chiave, fossero state diverse il Catanzaro avrebbe avuto dieci punti in più e sicuramente avrebbe potuto giocarsi il campionato. Ma la stagione non è finita e ricordo che l’Alessandria di Braglia qualche anno fa , fu recuperata di nove punti dalla Cremonese che poi festeggió la promozione in B . Per cui mai dire mai “.

Secondo lei chi fa il miglior gioco della Serie C?

” Non conosco bene la situazione degli altri gironi , ma nel girone C senza dubbio è il Catanzaro a fare il miglior gioco. Spazi stretti, inserimento dei centrocampisti, ampiezza, nessun punto di riferimento in attacco. Un gioco corale con il coinvolgimento di tutti gli attori presenti in campo “.

Come si presenta il girone di ritorno del Catanzaro dato che le squadre avversarie saranno molto diverse?

” I giallorossi devono avere pazienza , soprattutto devono prendere maggiore consapevolezza della propria forza, insomma devono abituarsi a vedere le altre squadre dall’alto. L’importante è vincere il maggior numero di partite , poi i conti si fanno sempre alla fine ” .

Ci può fare un bilancio di questo girone di andata delle altre tre squadre calabresi impegnate nel girone C?

” Senza dubbio il cammino di Rende, Reggina e Vibonese è stato estremamente positivo ” .

Quale è stata la partita più emozionante da commentare e perché?

” Nella mia carriera da telecronista ci sono state tante partite belle da commentare , ma il derby contro il Cosenza è stato sempre molto emozionante per la grande rivalità che c’è tra le due squadre, per i tifosi che organizzano le migliori coreografie, per l’importanza della parità. Quando penso al goal di Bernardo nel derby vinto dal Catanzaro nella stagione 2014- 2015 ancora mi vengono i brividi ”

L’esultanza di Bernardo nella partita Catanzaro – Cosenza 1-0 della stagione 2014/ 2015 photocredits : Cosimo Simonetta / il giallorosso

La redazione di mondocalcionews ringrazia Samuele Anastasio per la grande disponibilità e la cortesia dimostrate nel concedere questa intervista

ALTRE NEWS