Attilio Malena : “Il progetto Catanzaro è un progetto ambizioso”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

In esclusiva per mondocalcionews.it , il giornalista di Sportitalia e di Rmc Sport Attilio Malena.

 

Catanzaro ha scelto un grande tecnico come Auteri. Cosa ne pensa?

“La scelta di Auteri e’ stato un segnale, forte, lampante, di quanto il progetto Catanzaro sia ambizioso. Un segnale forte anche in chiave economica, per Auteri parla il curriculum”.

 

Secondo lei il neo tecnico giallorosso potrà  essere accontentato in sede di calciomercato?

“Si sta facendo di tutto per accontentarlo, quando prendi un tecnico così non accontentarlo sarebbe un delitto. Devi fidarti nel bene o nel male, ma serve chiaramente anche far quadrare i bilanci, l’unita’ d’intenti in questo senso e la chiarezza e’ fondamentale”.

 

Ci sono le premesse per vedere un Catanzaro protagonista la prossima stagione?

“Per forza di cose, un tecnico importante, una campagna acquisti partita bene, nonostante le difficoltà e una tifoseria appassionata come poche, gli ingredienti per fare un grande campionato ci sono tutte”.

 

Questo campionato di Serie C è stato caratterizzato da fallimenti di tante squadre. Ha ancora senso il progetto delle 60 squadre professionistiche in serie C o si potrebbe puntare su un format a due gironi per rendere più credibile e regolare lo svolgimento del campionato ?

“Serve semplicità, un regolamento chiaro, da rispettare in tutto e per tutto. Il sistema non supporta gli investimenti degli imprenditori, e chi investe per me è un coraggioso. Il sistema dei play-off ad esempio tanto bistrattato crea attrazione e spettacolo ed ha funzionato in pieno”.

 

Secondo lei chi saranno l’anno prossimo le squadre che lotteranno per conquistare la Serie B ?

“E’ davvero presto per giudicare, servirà attendere la fine del mercato, ma c’è qualche indicazione, il Catania ci riproverà e molte potrebbero essere le sorprese ma e’ presto”.

 

Cosa pensa dell’introduzione delle seconde squadre?

“Come sempre troppa fretta, e smania di cambiare. Non sono per l’introduzione delle seconde squadre, per salvaguardare la competitività del campionato vedo di buon occhio le affiliazioni per poter avere la possibilità di salvare piazze storiche e dare in contemporanea la possibilità ai giovanissimi di sperimentare, fare esperienza e poter sbagliare”.

 

Che stagione si aspetta dal Catanzaro ?

“Una stagione da protagonista, capace di far rinfiammare la piazza, sempre tenendo fede al diktat illuminato del patron Noto, nel calcio contano le idee e non solo i soldi spesi, ci sono tante testimonianze lampanti”.

 

 I tifosi dicono: il calcio di oggi non è più credibile. Sarà dura smontare queste convinzioni, specialmente in questi tempi…?

“Il calcio non è uno sport, e’ una macchina: che sfama famiglie, crea spettacolo, da gioie e dolori, va salvaguardato e apprezzato”.

COMMENTA L'ARTICOLO