Arezzo-Cesena 0-2, l’AD Selvaggio: “Subiamo decisioni arbitri, siamo stufi e vogliamo rispetto”

Ennesima sconfitta tra le mura amiche per l’Arezzo che non riesce ancora a rialzarsi dall’ultimo posto in classifica nel Girone B di Serie C. Il Cesena si impone al “Città di Arezzo” per 0-2, chiudendo la pratica già nel primo tempo. A nulla sono valsi gli sforzi degli amaranto nella ripresa con il risultato che non è cambiato. L’Arezzo resta solitario in fondo alla classifica con la zona salvezza ancora lontana 9 punti. Nel post-partita hanno parlato sia il neo Responsabile dell’Area Tecnica, Enzo De Vito, sia il tecnico Andrea Camplone che l’AD Sabatino Selvaggio.

Il DS De Vito dopo Arezzo-Cesena ha commentato la sconfitta degli amaranto non volendo cercare alcun alibi.

SUGLI INFORTUNI: “Nessun alibi, non c’è più tempo e dobbiamo fare punti. Dobbiamo focalizzare le nostre attenzioni sul fare punti già dalla prossima partita. Ad oggi abbiamo quattro infortunati: Cerci, Altobelli, Perez… Hanno inciso sicuramente anche sul secondo tempo. Non sappiamo quanto siano seri, valuteremo. Lunedì ne sapremo di più con gli esami del caso.

SUL CAMBIO DI ROTTA: “Nel secondo tempo siamo stati sterili ma non arrendevoli contro una squadra molto forte come il Cesena. Possiamo parlare di un rigore non dato ma non cerchiamo alibi. Sono qui a metterci la faccia come proprietà, ci sono stati investimenti pesanti e stiamo avendo poco in cambio. I calciatori devono pensare a lavorare insieme a noi per toglierci dall’ultimo posto. Servono fame e voglia per tirarci su, dispiace non aver mai vinto in casa. Non abbiamo tempo, dobbiamo lavorare. Valutiamo gli infortunati e poi nel caso penseremo al mercato. In settimana sfoltiremo la rosa e poi potremmo pensare eventualmente ad arrivi“.

Anche Andrea Camplone, tecnico dell’Arezzo, ha commentato la sconfitta contro il Cesena.

SULLA PARTITA: “L’avevamo preparata diversamente, ma purtroppo non siamo riusciti a fare ciò che volevamo. Volevamo prenderli alti ma per paura o altro non ci siamo riusciti. Questo non vuol dire che poi dobbiamo concedere due gol all’avversario. Oggi è stata una partita maschia, l’arbitro ha lasciato molto correre e ha fischiato poco su certi tipi di contrasti. Da uno di questi ad esempio è nato proprio uno dei gol del Cesena. Non ci siamo adattati alla situazione ed è un peccato non essere rimasti in partita. Nel secondo tempo abbiamo provato a raddrizzarla ma non ci siamo riusciti. Gli altri sono stati bravi, hanno corso fino al 90′ come avremmo dovuto invece fare noi“.

SUGLI INFORTUNI: “Altobelli ha subito un colpo sulla gamba che gli ha procurato una contrattura, Perez dovrebbe aver avuto una ricaduta su un vecchio problema muscolare. Aspettiamo gli esami strumentali e speriamo di poterne recuperare almeno uno per la prossima gara“.

SUL FACCIA A FACCIA CON LA SOCIETA’: “A fine partita abbiamo fatto una riunione con la dirigenza per parlare della partita, di ciò che è andato e ciò che non ha funzionato. Ogni volta che giochiamo in casa facciamo piccole riunioni, oggi vista la classifica e la partita di oggi abbiamo parlato più del solito“.

Duro anche lo sfogo dell’AD Selvaggio, il quale è stufo delle decisioni arbitrali che sarebbero state prese a sfavore dell’Arezzo dall’inizio del campionato: “Al di là dell’aspetto tecnico, la posizione dell’allenatore è confermata. La mia presenza qui è per alzare la voce nei confronti della classe arbitrale. Stiamo subendo nel modo più assoluto le decisioni dei direttori di gara. Lo vediamo da molte partite, dalle decisioni presi dagli arbitri fin qui, non solo oggi. Manca rispetto nei confronti di una società che ha investito tanto e continua ad investire. Vogliamo essere maggiormente tutelati e non accettiamo più situazioni del genere. Non vorremo alibi ma non possiamo accettare certe decisioni. Alibi non ce ne sono più ma meritiamo noi come società e l’Arezzo come tifosi si meritano rispetto. Devono spiegarci il perché“.

LEGGI ANCHE: Cesena, ufficializzato dal Crotone Giuseppe Borello

LEGGI ANCHE: Arezzo, il sindaco Ghinelli e l’assessore allo Sport Scapecchi hanno ricevuto in dono le maglie da gioco

ULTIME NOTIZIE

Sorry! You are blocked from seeing ads