Arezzo, Camplone: “Serve cattiveria, dobbiamo vincere per sbloccarci”

arezzo camplone
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Reduce dalla sconfitta casalinga contro il Modena, l’Arezzo di Andrea Camplone si appresta a tornare in campo mercoledì, nel turno infrasettimanale valevole per il recupero della 12a giornata del Girone B di Serie C contro il Fano, ancora tra le mura amiche del “Città di Arezzo“. Scontro dall’enorme importanza per gli amaranto, ultimi in classifica, che affrontano una diretta concorrente per la salvezza. Il Fano infatti si trova un gradino sopra in graduatoria, con 3 punti di vantaggio. Con la vittoria l’Arezzo raggiungerebbe proprio i rivali di domani, dando una svolta decisiva al proprio campionato. Queste le parole in conferenza stampa di Andrea Camplone, tecnico dell’Arezzo:

SULLE SOLUZIONI OFFENSIVE: “In attacco abbiamo diverse soluzioni, possiamo provare tutto per tirarci su, abbiamo bisogno di punti quindi tutto va bene purché ci porti risultati. Possiamo provare anche Di Nardo ad esempio, abbiamo molte soluzioni. Cutolo è un po’ spremuto, non vogliamo si faccia male, Cerci invece tra Covid-19 e altre situazioni ha giocato meno, nessuno dei due ha i 90 minuti, dobbiamo vedere. Possono partire insieme oppure fare staffetta tra di loro, ci pensiamo e domani sceglierò. Possiamo giocare anche con 5 punte, c’è chi lo ha fatto. Dobbiamo essere in forza avere energia ed aiutarci tra di noi, se succede questo possiamo scendere in campo con tanti attaccanti. Dobbiamo scendere in campo con la testa giusta e porteremo a casa il risultato. Se ci sblocchiamo spariscono dolori e tutta la stanchezza mentale“.

SUL FANO: “Il Fano non credo verrà a fare le barricate, giocano e corrono, chiudono bene gli spazi e vorranno sfruttare le loro armi. Conosco Flavio Destro, verranno a giocare, si mettono con un 4-3-3, finto anche a volte difendendo 4-1-4-1 si difendono bene. Noi sicuramente concederemo qualcosina perché dobbiamo vincere ma dovremo sopperire a questi spazi che lasceremo con attenzione“.

SULLA GARA CON IL MODENA: “Abbiamo fatto buona gara contro il Modena, davanti però siamo stati sterili, abbiamo create palle gol ma non siamo riusciti a concretizzarle, abbiamo avuto minimo 3-4 occasioni. Loro con un’azione ci hanno segnato. Dobbiamo mettere peso davanti, domani avremo novità e vedremo. Dobbiamo correre di più degli altri, o continueremo a raccogliere poco. Ci pesa tanto aver perso per mezzo tiro in porta, pesa nella testa dei ragazzi, dobbiamo ripartire e fare una partita importante. Non mi è sembrato che gli avversari arrivino con facilità in area nostra, abbiamo preso gol su una nostra dormita. Non era neanche una giocata voluta ma buttata lì e noi abbiamo sbagliato perdendo la marcatura. La porta va attaccata con 3-4 giocatori come minimo ed è da quando sono arrivato che lo chiedo ma poi non ci arriviamo mai. C’è da dire anche che gli avversari arrivano sempre freschi e pimpanti, con settimane intere per prepararsi…“.

SULLA MANCANZA DI CATTIVERIA: “Dobbiamo essere più cattivi, ammonizioni prese più che altro per proteste o falli stupidi. Gli avversari invece ci fermano sempre in ripartenza, e spesso non vengono nemmeno ammoniti dopo vari falli… In ogni caso, arbitraggi a parte, dobbiamo essere cattivi e più attenti anche in difesa. Abbiamo subito troppi gol e in questo momento al primo sbaglio veniamo puniti. Faremo di tutto per avvicinarci al gruppo della salvezza vincendo domani“.

SUGLI INDISPONIBILI: “Kodr ce la farà, oggi si è allenato, mentre Cherubin è ai box. Ha avuto un infortunio muscolare ed è pericoloso, siamo contati e non rischieremo. In difesa dovremo fare qualche accorgimento sicuramente, dobbiamo fare punti e rischieremo. Dobbiamo vincere e per questo non giocheremo in difesa. Foglia non si è ancora ripreso dal Covid-19, era carente di forza, deve ancora tornare in forma. Di Paolantonio ha giocato sempre senza preparazione quindi ha riposato nelle ultime uscite. Domani cambieremo qualcosa sicuramente, decideremo in giornata chi far giocare, per avere copertura ma soprattutto sostanza. Pesenti ancora non ha fatto gli esami, ne sapremo di più oggi pomeriggio dopo la risonanza magnetica, ad oggi non sappiamo nulla. Di Nardo invece è uscito fuori dall’allenamento con la caviglia distorta una o due settimane fa. Da allora ha perso smalto e l’ho fatto riposare. Non si è allenato bene e non l’ho schierato per non rischiare di perderlo ulteriormente“.

SULLA PRESENZA DELLA SOCIETA’: “La società è presente sempre in ogni momento, ci dà sostegno. Muzzi ha parlato con la squadra della situazione, c’è stato un confronto ed è stato fatto tutto ciò che si doveva fare. La società è presente ed è molto importante per i giocatori che sia così“.

LEGGI ANCHE: Lettera intimidatoria a Bonechi della Pistoiese. Le parole di Ghirelli a riguardo

Foto: profilo Facebook ufficiale S.S. Arezzo

COMMENTA L'ARTICOLO