Arezzo, Camplone: “Contro Legnago emergenza in difesa. Al ritorno dalla sosta peseremo tutti”

arezzo camplone
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Andrea Camplone, tecnico dell’Arezzo, ha parlato in conferenza stampa, presentando l’ultima sfida dell’anno contro il Legnago al “Città di Arezzo“, prima della sosta. La gara, valevole per la 17a giornata del Girone B di Serie C, è in programma alle ore 12:30, e mette a confronto due formazioni invischiate nella lotta per non retrocedere. Il Legnago, con 17 punti, si trova al 14° posto in classifica, fuori dalla zona play-out, mentre l’Arezzo con soli 8 punti si trova all’ultimo posto della graduatoria. Queste le parole in conferenza stampa di Andrea Camplone, allenatore dell’Arezzo:

SULL’EMERGENZA IN DIFESA: “Stiamo cercando alternative, ma centrocampisti che possono giocare in difesa ne abbiamo pochi. Valuteremo le soluzioni migliori e vedremo se saranno quelle giuste. Anche Foglia non è una soluzione adatta. Abbiamo recuperato Nicolò Cherubin, quindi l’emergenza è parzialmente rientrata, sperando che riesca a giocare 90′ visto il momento di difficoltà“.

SULLA SCONFITTA DI PESARO: “Per quanto riguarda la gara contro la Vis Pesaro ci sono molte certezze, dobbiamo stare più attenti, non possiamo prendere 3 gol su 3 lanci. Abbiamo dominato e abbiamo collezionato palle gol senza finalizzare. La prestazione di squadra resta, peccato essere tornati a mani vuote. Dobbiamo migliorare ed eliminare gli errori commessi“.

SUL LEGNAGO: “Contro il Legnago non sarà come contro il Fano ad esempio, che ci hanno affrontato chiudendosi e ripartendo. Il Legnago gioca bene, attacca con tanti uomini, è una squadra molto sbarazzina. Giocano con centrocampisti molto offensivi che accompagnano le azioni offensive. Giocheranno con il 4-3-1-2 e lasceranno spazi sugli esterni che dovremmo sfruttare. A livello fisico stiamo meglio rispetto a 20 giorni fa, stiamo mettendo benzina nelle gambe, usciamo bene anche nei secondi tempi. Abbiamo smaltito il Covid, vogliamo passare un Natale sereno e farlo passare anche ai tifosi e alla società“.

SULLA QUADRA DA TROVARE: “La difesa a 3 non la possiamo fare stavolta, giocheremo a 4 perché non abbiamo abbastanza centrali a disposizione. Non è una questione di modulo, dobbiamo subire meno gol mantenendo maggiormente l’attenzione. Dovranno giocare anche ragazzi in campo tre giorni fa perché dobbiamo creare un’ossatura, gran parte rigiocheranno. Vogliamo chiudere con una vittoria, visto che abbiamo raccolto poco ultimamente. Ci deve dare la carica in più, ci serve una boccata di ossigeno. Dobbiamo trovare la quadra giusta, non è facile giocando ogni tre giorni. Abbiamo poche alternative e non è facile mantenere sempre lo stesso ritmo. Ai ragazzi non rimprovero nulla, danno sempre il massimo“.

SUL TREND CASALINGO: “Non mi era mai capitato di fare così pochi punti in casa, dobbiamo cambiare il trend. Abbiamo preso due batoste da grandi squadra, se contiamo anche la prima che ero appena arrivato e l’altra eravamo contati causa Covid. Abbiamo visto cosa è successo alla Casertana. Per me una cosa senza senso, da noi ci sono stati 18 casi, non si è sentito molto in giro nelle notizie ma è stato così. Domani contano i 3 punti più di qualsiasi cosa, potremmo anche agganciare qualcuno che ci è davanti“.

SULLA CONDIZIONE FISICA: “Rivedendo la partita e come abbiamo perso possiamo trovare la giusta cattiveria per fare bene contro il Legnago. Per dimostrare di essere più forti di quello che si è visto. Abbiamo grandi valori e dobbiamo tirarli fuori, adesso si inizia a vedere una bella squadra e siamo in crescita. Peccato ci sia proprio ora la sosta che ci ferma in un buon periodo fisico, però ci sta anche di riposare e poter lavorare una settimana consecutiva, vediamo“.

SUGLI ALLENAMENTI: “Noi, come staff, abbiamo sempre fatto pesare tutti prima di andare via e dopo al ritorno dalla sosta di nuovo per vedere se ci sono cambiamenti. Chi non mantiene il peso forma andrà in contro ad una multa bella salata. Poi a seconda del ruolo e dei minuti giocati, alcuni allenamenti da fare direttamente a casa, almeno 3 o 4. Quando torneremo dalla sosta, oltre ai tamponi di rito, faremo doppi allenamenti, cercando di arrivare freschi alla ripresa“.

LEGGI ANCHE: Serie C, Pasquale Catalano nuovo tecnico dell’Imolese

LEGGI ANCHE: Casi Covid Casertana, Viterbese: “Noi vittime e non carnefici come hanno fatto credere”

Foto: profilo Facebook ufficiale S.S. Arezzo

COMMENTA L'ARTICOLO