Stirpe: “Non ci siamo rivolti all’ASL, ma serve rivedere il protocollo”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Il presidente del Frosinone Maurizio Stirpe, ai microfoni del Corriere della Sera, ha fatto il punto sulle tante positività al Covid della sua squadra, lanciando anche un monito per quanto riguarda il protocollo.

Maurizio Stirpe, patron del Frosinone, intervistato dal Corriere della Sera, ha parlato delle problematiche legate al Covid della sua squadra falcidiata dai positivi al tampone, che hanno portato al rinvio della sfida contro il Pisa, lanciando anche un monito in merito al protocollo e alle falle che presenta. Queste le sue parole.

“Le regole prevedono che i positivi devono essere individuati a 48 ore dalla partita, noi ne abbiamo riscontrati molti il giorno prima quindi, anche avessimo voluto, non avremmo potuto rinviare il match con il Pordenone. Ma che senso ha? Il protocollo era stato preparato mesi fa, andrebbe aggiornato. Non abbiamo voluto coinvolgere l’Asl perché siamo per il rispetto delle regole e ritengo che il calcio e la Figc abbiano gli strumenti per evitare interferenze, basta volerlo“.

Fonte dichiarazioni: Alfredo Pedullà.

Foto: Twitter ufficiale Frosinone.

COMMENTA L'ARTICOLO