Perugia-Pescara, secondo atto. I precedenti al Curi sorridono a Oddo

Perugia Pescara Oddo
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Perugia-Pescara, secondo round allo stadio “Renato Curi”: Oddo al duello finale contro la squadra delle sua città

Ultimo atto dei play-out di Serie B tra Perugia Pescara allo Stadio “Renato Curi”. Si parte dal 2-1 dell’andata in favore degli abruzzesi. In caso di vittoria con un gol di scarto degli umbri si andrà ai tempi supplementari ed eventualmente ai calci di rigore. I gol in trasferta non varranno doppio. Fischio d’inizio ore 21,15, arbitra il signor Aureliano di Bologna.

Perugia, obbligatorio vincere! Il Curi ha sempre portato bene a Massimo Oddo (sulla panchina del Pescara)

Il Perugia a un solo risultato a disposizione: la vittoria. Finale di campionato alquanto incandescente per la formazione di Massimo Oddo. Il tecnico abruzzese, nonostante una situazione psicologica difficile per la sua squadra, può (almeno apparentemente sulla cabala). Al Curi, infatti, ha ottimi ricordi anche se vissuti “dall’altra parte della barricata. Vittoria all’esordio sulla panchina dei biancazzurri nei play-off della stagione 2014/2015. Sempre al Curi, il 24 gennaio 2016, roboante 4-0 rifilato sempre al Perugia con autorete di Marco Rossi e gol di Lapadula, Benali Caprari. Una delle partite più belle di quella stagione, culminata con il ritorno del suo Pescara in Serie A. Stavolta però la situazione è diversa.

Pescara, l’ultimo sprint di una stagione alquanto faticosa

Clima più disteso in casa Pescara. Gli abruzzesi arrivano a questo ultimo round forti della vittoria in rimonta all’andata. Basta anche un pareggio per la salvezza ma vietato cullarsi sugli allori. Il tecnico Andrea Sottil dovrà fare a meno degli indisponibili Drudi Balzano. Unico dubbio in difesa con Bettella favorito su Scognamiglio. Serve una gara di grande intelligenza e sacrificio per salvare una stagione sciagurata. La permanenza nel campionato cadetto va mantenuta con le unghie e con i denti.

FOTO: A.C. Perugia Calcio Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO