Fedeltà di SKY o futuro in streaming?

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Conclusa ormai da settimane la stagione 2017/18 è tempo di voltare pagina perché il campionato di serie B 2018/19 comincia ad avvicinarsi ogni giorno che passa, accompagnato, come ogni anno, dall’attesa trepidante degli assidui appassionati che non vedono l’ora di riposizionarsi davanti ai teleschermi per altri 9 mesi di palpitazioni.

Ed è proprio la questione “teleschermi” che sta facendo discutere i tanti tifosi del campionato cadetto: dietro al caos generato dalla discussa finale playoff fra Frosinone e Palermo, dietro ai problemi giudiziari del Parma e dietro al calciomercato già in fase di avvio, si cela una questione all’apparenza scontata e di poco conto, ma di fondamentale importanza per coloro i quali non sanno ancora se e dove potranno seguire le gesta della propria squadra del cuore in televisione.

Questo perché, dopo anni di dominio assoluto da parte di SKY, per la stagione che verrà il discorso relativo ai diritti TV è più che mai in bilico: la piattaforma televisiva che fino a questo momento aveva sempre vantato l’esclusiva sulla serie B dovrà affrontare delle feroci concorrenti tra cui Eleven Sports, Eurosport e Perform, che potrebbe proiettare le partite del sabato pomeriggio nel magico e chiacchierato mondo dello streaming.

In queste ore la Lega B, riunita a Milano in via Rosellini 4, sta valutando le varie offerte presentate dalle tante piattaforme (circa 7) interessate alla trasmissione del torneo. Le previsioni, però, vedono SKY, ma soprattutto Perform in pole position per spuntarla nell’asta dalla quale, fra poche ore, scopriremo il futuro televisivo del campionato di serie B 2018/19. Lo spettacolo non mancherà, certo, e nonostante le tante, forse troppe, problematiche che stanno investendo in questi giorni società quali Parma, Cesena, Palermo e Foggia, ci sarà sicuramente da divertirsi nella lotta verso un sogno chiamato serie A.

COMMENTA L'ARTICOLO