Zeman: “Mi manca Totti, il ritorno di Ibra non mi convince”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Ecco un estratto delle parole su Totti pronunciate da Zdenek Zeman, allenatore boemo, in passato sulla panchina della Roma in due diverse circostanze:

“Se mi manca Totti? Certo, lo confermo, anche se è trascorso del tempo dal suo ritiro. Uno come lui avrei provato a conservarlo in una teca. Bisognava allungargli la carriera, anche facendolo giocare qualche partita in più. Uno come Totti nasce raramente. Chissà quanto dovremo aspettare per vederne nuovamente uno così. La sua figura aiuta sempre il mondo del calcio, anche fuori dal campo, qualsiasi sia il suo ruolo”

Successivamente, Zdenek Zeman, dopo aver parlato di Totti, ha speso due parole anche sull’imminente cambio di proprietà della società giallorossa:

“Mi auguro che la nuova proprietà dia qualcosa in più rispetto alla precedente”

Un pensiero anche sull’altra sua ex squadra, la Lazio, allenata a metà degli anni novanta dal boemo:

“La Lazio la guardo spesso assieme alla Roma. In questo momento mi piace molto. Quei cinque a centrocampo sono fantastici. Cinque uomini di così alto livello ti fanno divertire, ti appagano. E poi i due davanti sono sempre decisivi. Non so se dureranno, ogni anno le capita un periodo difficile che compromette la stagione”

Nel corso dell’intervista, Zeman ha toccato anche altri temi più generali:

“Sono curioso di vedere Ibrahimovic. Nonostante l’età, il fisico è possente e il talento non si discute. Però il fatto che abbia 38 anni non si può ignorare. E poi, nella storia, i grandi ritorni al Milan non hanno mai contribuito a rilanci clamorosi. Lo scudetto lo rivince la Juventus, hanno una qualità inarrivabile. Se non ci sono incidenti di percorso vincono loro. Basta leggere i nomi dei titolari e quelli delle riserve”

Coinciso come sempre, mai banale…

COMMENTA L'ARTICOLO