Verona-Inter 2-2, Conte: “Meritavamo la vittoria. Il club farà delle considerazioni”

Altro stop per l’Inter di Conte, fermata da un Verona affamato. Troppi cali mentali costano cari ai nerazzurri, che ,come all’andata, erano riusciti a ribaltare il risultato, ma nei minuti finali hanno subito la rete del pareggio finale. Hellas ancora in corsa per l’Europa, mentre l’Inter scivola al quarto posto a -1 dall’Atalanta

LA PARTITA

Pronti via e Verona in vantaggio. Al 2′ Lazovic supera un disattento Skriniar e da posizione laterale batte Handanovic. Inter che inizialmente reagisce bene, ma le imprecisioni degli uomini di Conte e l’organizzazione dell’Hellas fanno sfiorare ai padroni di casa il raddoppio. Prima il palo di Miguel Veloso e poi il tiro al volo di Di Marco che accarezza il legno e per poco non fa il gol del “nuovo campionato”. Primo vero lampo dei nerazzurri al 26′ con la sponda di Lukaku che libera al tiro Gagliardini, fermato da Silvestri. E’ un’Inter più veloce e lucida rispetto a quella dei primi minuti, e con una buona ripartenza c’è un’altra chance da fuori, questa volta con Brozovic, che manda a lato non di molto. Buon possesso degli uomini di Conte, ma l’Hellas con i contropiedi è micidiale e sfiora il gol con l’ex Faraoni. Verona-Inter 1-0 all’intervallo.

Riparte bene l’Inter, che con velocità sorprende la difesa scaligera e conclude con Candreva, il cui tiro viene salvato dal portiere avversario. I nerazzurri sono scesi in campo con convinzione, e trovano il pari al 49′ con Candreva, che si fa trovare pronto sulla ribattuta dopo il palo colpito da Lukaku, bravissimo nel girarsi con il fisico. L’Hellas non è messo bene in difesa nel secondo tempo e l’Inter ne approfitta agguantando subito il vantaggio al 55′ con l’autogol di Di Marco, che, sfortunato, devia un cross di Candreva. Partita a ritmi più bassi dopo l’ uno-due degli ospiti, che ha tagliato un po’ le gambe ai giocatori gialloblù. Inter vicina negli ultimi minuti al gol della sicurezza, con Lautaro Martinez che sfonda la difesa, ma non riesce a superare un ottimo Silvestri. I nerazzurri sembrano in controllo ma c’è l’ennesimo calo mentale. Grande azione del Verona e l’Inter immobile a osservare il gran tiro da fuori di Miguel Veloso, che insacca e sigla il 2-2 al 86′. Gli uomini di Conte non mollano e vanno a centimetri dal nuovo vantaggio con Lautaro, che viene però anticipato su un cross dallo strepitoso Silvestri. Verona-Inter finisce con il risultato di 2-2

MARCATORI: 2′ Lazovic (VE), 49′ Candreva (IN), Aut.Di Marco (HE), 86′ Miguel Veloso (HE)

DICHIARAZIONI POST-PARTITA: ANTONIO CONTE

Sui singoli:

“Sinceramente dal punto di vista dell’impegno non ho niente da rimproverare ai ragazzi. Abbiamo giocato contro una squadra, che fa dei ritmi alti un suo punto di forza. C’è rammarico per aver perso 2 punti con un gol a 5 minuti dalla fine. Meritavamo di vincere”

Sulle difficoltà nella gestione del vantaggio

“Penso che si stia facendo un lavoro importante, che si vede. Le statistiche ci devono far riflettere e ci devono spingere a focalizzarci meglio”

Sul cambio di Lukaku

“Ha avuto una botta, speriamo che non sia nulla di grave. E’ sulla zona dell’adduttore”

Sulla mancanza di continuità

“Bisogna essere più bravi nel gestire determinate situazioni. L’esperienza ci farà bene, perchè molte volte andiamo in affanno in modo troppo semplice. Il Verona ha fatto 1 tiro nel secondo tempo, da fallo laterale. Non voglio dire nulla perchè poi dite che critico, ma io cerco solo di spronare i miei ragazzi”

Sulle necessità dell’Inter per migliorare

“Io se devo dire qualcosa lo farò a fine anno. Il club farà delle considerazioni e anche io. Bisogna capire quanto si è vicini dal poter vincere”

Sulle difficoltà post-lockdown

“Se andate a vedere i numeri, l’Inter è la squadra con più possesso e con il più alto indice di pericolosità. A livello di conduzione di gara abbiamo aumentato il predominio territoriale. Poi alla fine contano i risultati”

Su Sanchez l’anno prossimo e l’esclusione di Eriksen

“L’anno prossimo a me non interessa. A fine campionato faremo delle valutazioni, insieme alla società. Eriksen è un giocatore che sta crescendo. Stiamo cercando di metterlo nel contesto adatto. Borja Valero sta giocando bene, e quindi cerchiami di fare delle rotazioni”

LEGGI ANCHE:

Inter, il repulisti di Conte e Marotta nel prossimo calciomercato

Obiettivo Inter: un difensore nel mirino

Verona-Inter, Marotta alla Juventus: l’ad fa chiarezza

Fonte foto: Sky Sport Instagram