Venezia-Verona 3-4. Le pagelle del derby veneto

Foto: sito ufficiale Hellas Verona

Diamo i voti ai protagonisti del derby veneto vinto dal Verona per 3-4. Vanno in gol Ceccaroni, Crnigoj e Henry per il Venezia e Caprari, autogol di Henry e doppietta del solito Simeone per l’Hellas. Grandissima vittoria in rimonta per la banda di Tudor che si avvicina alle zone alte della classifica.

VENEZIA (433)

ROMERO 5,5: Nel primo tempo è perfetto ogni volta che viene chiamato in causa. Nel secondo male come tutta la squadra: sbaglia in occasione dell’autogol di Henry e non trasmette la solita sicurezza.
MAZZOCCHI 6: Spinge con continuità mettendo in difficoltà la retroguardia veronese. (Dal 65° Ebuehi 5,5: Non garantisce la stessa prestazione di chi lo ha preceduto)
CALDARA 5: Prima frazione perfetta, seconda da dimenticare con la squadra che subisce ben 4 gol in 45 minuti.
CECCARONI 5,5: Ha il merito di sbloccare la gara con un inserimento da attaccante puro. Poi si sostituisce a Romero parando sulla linea un colpo di testa di Faraoni. Espulsione e rigore che danno il via alla rimonta.
MOLINARO 5,5: Si limita al compitino sulla fascia di competenza. Nella prima frazione gli avversari dormono e lui non sfigura, ma quando iniziano a puntarlo va sistematicamente in difficoltà
KIYINE 6: Gioca con grande personalità e sfodera le sue doti tecniche. E’ difficilissimo rubargli il pallone. (Dal 65° Busio 5,5: Entra per cercare di tenere qualche pallone, non ci riesce)
VACCA 6: Posizionato da schermo davanti alla difesa da Zanetti fa in modo che Simeone riceva pochissimi palloni giocabili. (Dal 74° Tessman s.v.)
CRNIGOJ 6,5: Si fa trovare nel posto giusto al momento giusto per insaccare il 2-0. Poi svolge un ottimo lavoro in fase di interdizione.
ARAMU : (Dal 65° Svoboda 5: Si mette nel posto di Ceccaroni che è stato espulso, ma non riesce a trovare l’intesa con Caldara.)
HENRY 6: Nella prima frazione di gioco è devastante e da solo tiene in apprensione tutta la difesa veronese. Poi è sfortunato nella devizione che porta all’autogol del 1-3 e da li in poi sparisce dal match.
OKEREKE s.v: Esce per infortunio dopo 5 minuti (Johnsen 5,5: Nel primo tempo è imprendibile, nel secondo scompare letteralmente dal campo.)
ALL. ZANETTI 5: Probabilmente la sua squadra pensava di aver già vinto la partita ed esce dagli spogliatoi troppo molla. Sconfitta che fa molto male a morale e classifica, ma che sicuramente servirà da lezione ai lagunari.

VERONA (3421)

MONTIPO’ 5: Sui primi due gol non ha grandissime colpe. Poi è troppo timido in uscita e si fa anticipare da Henry: grave errore, di cui divide le colpe con Dawidowicz.
CASALE 5: Si fa imbucare in occasione del secondo gol del Venezia. In generale non riesce a trasmettere sicurezza alla squadra e Tudor lo sostituisce alla mezz’ora. (dal 30° Magnani 6: Con il suo ingresso i gialloblu si sitemano in fase difensiva.)
DAWIDOWICZ 5: Parte centrale nei tre di difesa del Verona e perde fin da subito il duello fisico con Henry. Con l’ingresso di Magnani si sposta sul centro destra e va un molto meglio. Il voto è una media tra un primo tempo disastroso e un secondo molto buono. Come tutto l’Hellas del resto.
CECCHERINI 6,5: Buana partita, è l’unico che si salva anche nel primo tempo
FARAONI 6: Nel primo tempo è timido e non si propone mai. Poi nel secondo entra in campo il Faraoni che tutti conosciamo.
TAMEZE 6,5: Muscoli e polmoni in mezzo al campo. Corre tantissimo e recupera moltissimi palloni.
VELOSO 5,5: Regia lenta e compassata, non riesce mai a trovare la giusta linea di passaggio per servire i suoi attaccanti. Impegna Romero su punizione e in generale riesce a rendersi pericoloso solo sui calci piazzati. (dal 57° Lasagna 6: Aumento il potenziale offensivo della squadra)
LAZOVIC 5,5: Cerca di proporsi con continuità sulla fascia ma è spesso impreciso.
ILIC 5,5: Non riesce ad essere brillante come al solito, cerca il guizzo che però non arriva. (Dal 79° Bessa: s.v. )
CAPRARI 6,5: Cerca sempre di rendersi pericoloso tra le linee, ha il merito di segnare il rigore che riapre la partita.
SIMEONE 7: Fanno 11 in campionato per lui, altra doppietta e sempre più dominante. Due gol splendidi oggi per il Cholito: uno scavetto e un gran tiro sotto l’incrocio per completare la rimonta degli scaligeri.
ALL. TUDOR 6,5: Inspiegabile il primo tempo dei suoi che sono stati letteralmente irriconoscibili, la strigliata negli spogliatoi ha funzionato e grazie anche a un pizzico di fortuna (che non guasta mai) la sua squadra mette in piedi una rimonta epica.

LEGGI ANCHE: Sassuolo, Scamacca: “Mi aspetto molto da me stesso, ho sempre lavorato duramente”

LEGGI ANCHE: Milan, pessime notizie per Pioli. Kjaer si deve operare