Ultimatum Rafinha. Il padre: “tempo scaduto”. Ecco le sue parole

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Il fantasista ex Barcellona, ancora non riscattato dall’Inter, non sembra essere contento dei tempi con cui i neroazzurri stanno gestendo la sua situazione.

Il padre Mazinho, nonché agente del figlio, intervistato dalla Gazzetta dello Sport ha ammesso: “L’accordo con il Barcellona è scaduto il 5 giugno. Mio figlio tornerebbe anche ora all’Inter, ma i tempi erano diventati troppo lunghi. Forse, se lo avessero voluto sul serio, si sarebbero mossi subito con convinzione. Doveroso, adesso, scegliere altro. Abbiamo già parlato con il Barcellona, insieme stiamo valutando il meglio per loro e per noi”.

Ed ha aggiunto: “Milano è sempre stata la nostra priorità, ma il tempo è scaduto. Non potevamo più permetterci di aspettare: adesso è doveroso per noi guardarci attorno. All’Inter si è trovato alla grande, si è inserito immediatamente e il pubblico lo ha adottato con affetto ed entusiasmo. Purtroppo non è arrivato alcun segnale dalla società. Peccato, sarebbe stato importante giocare in Europa con l’Inter dopo averla conquistata sul campo”.

Parole molto chiare, con le quali il padre ha voluto far intendere che Rafinha non sarà quasi sicuramente riscattato dall’Inter, salvo eventuali colpi di scena.

COMMENTA L'ARTICOLO