Torino, parla Nicola: “Due positivi al Covid, ma non cerco alibi”

Fonte foto: profilo twitter torino

SEGUICI SU

Ha parlato Davide Nicola alla vigilia della partita contro il Cagliari in programma domani sera alla Sardegna Arena. Fischio d’inizio ore 20.45:

Avete due nuovi positivi: “Ho fatto una battuta con loro, mi avete tolto due problemi. Reagisco in maniera pratica: ne abbiamo altri, sono fiducioso in linea con quello con ciò che dico alla squadra. Non cerco alibi e non spreco energia. Auguro loro di rimettersi quanto prima”.

Ha ricevuto tanti attestati di stima dalla squadra: “Fa piacere, vedo un gruppo che lavora con passione e dedizione. Sanno che mi butterei nel fuoco per proteggerli, è la base per costruire qualcosa di importante. E determinante per fare ciò che vogliamo. Non è difficile andare d’accordo con me, basta metterci passione e i valori di dare sempre il massimo, dal riscaldamento alla partita”.

Conterà più la tattica o la forza dei nervi domani sera? “Il Cagliari ha una rosa importante, come noi pensiamo di esserlo. Per tanti motivi sono squadre che non sono riuscite ad esprimersi. Non possiamo distinguere tattica e nervi: dobbiamo essere un tutt’uno, noi dobbiamo andare al massimo e non avere alibi. Nelle ultime quattro partite abbiamo migliorato tanti numeri, sarà una partita per fare un ulteriore step”.

Avete una vocazione offensiva maggiore a Cagliari? “Ci è chiaro che dobbiamo fare uno step in più. Lottano per la nostra posizione, salvarsi è una cosa seria che ritiene grande equilibrio. C’è differenza tra ciò che dici di voler fare e ciò che fai in campo, bisogna avere rispetto ed equilibrio. Ci è chiaro che a Cagliari, per ciò che è l’opportunità, dovremo fare uno step migliorativo”.

Vi trovate meglio a fare gare di rimessa? “Può essere vero, ma nelle ultime quattro partite non è una squadra che vuole attendere. Vogliamo essere aggressivi e proporre, abbiamo il dna per farlo. C’è poca convinzione di fare certe cose, da questo punto di vista organizziamo il lavoro”.

Quali sono le insidie del Cagliari? “Partono prima da noi, perché vogliamo fare tutto al massimo. L’insidia può essere rappresentata dai retro-pensieri, ma stiamo dimostrando di voler andare oltre alle difficoltà. I sacrifici e l’impegno ti portano consapevolezza e valori per migliorare. Le insidie sono prima da noi, poi c’è il valore e l’abilità dell’avversario. Partiamo da ciò che siamo noi, e ci facciamo la domanda: ‘Chi siamo e chi vogliamo essere?'”.

Ha trovato l’assetto difensivo giusto? La mia idea di interpreti era presente nella mia testa prima di entrare al Filadelfia. Questa squadra può portare avanti un’identità e avere continuità negli interpreti: ma anche gli avversari possono portare delle modifiche”.

Cosa manca al Toro per soddisfarla? “Mi sta già soddisfacendo nelle due fasi, giocando un calcio propositivo e stiamo progredendo per step. E’ il modo più semplice per trasferire la mia idea. Dobbiamo migliorare la capacità di concretizzare le occasioni che creiamo: con il Genoa la partita era ben giocata tatticamente e ci siamo annullati a vicende, mentre nelle gare precedenti avremmo voluto sfruttare meglio ciò che creiamo”.

Qual è la quota salvezza? “Non perdo tempo in questi calcoli, non li ho mai fatti e non saprei dirlo. Non lo posso controllare, quindi non ci dedico energie. La corsa per salvarsi è aperta, indipendentemente dai risultati dell’immediato. Dobbiamo esprimerci al massimo senza essere schiavi di ciò che ci sta intorno. L’unica cosa che puoi controllare è ciò che puoi decidere tu”.

E’ un vantaggio o no giocare prima delle concorrenti? “Non saprei dirlo. Seguiamo il calendario, giochiamo dove e quando ci dicono. E la sfida ci porta ad avere competitività. Vogliamo soltanto giocare al massimo”.

Fonte: TMW

LEGGI ANCHE: BRAMBATI: “OGGI LA JUVE NON HA UN ALLENATORE IN PANCHINA. HAALAND, CHE RIMPIANTO”

COMMENTA L'ARTICOLO