Torino, Mandragora: “Nicola una persona carismatica. Nazionale? Vorrei tornarci”

Ai microfoni di Torino Channel ha parlato Rolando Mandragora, perno del centrocampo granata:

Com’è stato il primo mese di Toro?

“Particolare, perché abbiamo trovato risultati utili a parte l’ultima partita. C’è un gruppo speciale, mi ha fatto subito integrare al meglio e conoscevo già il mister”.

Qual è stata l’emozione del gol di Crotone?

“E’ stata una gioia a metà: contento, era arrivata per il pareggio ed ero felice. Poi purtroppo il gol è servito a poco, così come la prestazione. Non potevo essere felice più di tanto”.

Ti senti più responsabilizzato?

“Sì, per l’ambiente e per il mister, oltre che per i compagni. Ho tanto da dimostrare e voglia di mettermi in gioco, è un’iniezione di fiducia perché gioco tanto. E dovrei rendere sempre meglio”.

Come nasce il rapporto con Nicola?

“Conosciuto a Crotone e avuto a Udine, è una persona positiva, genuina e carismatica. Tutti ci troviamo bene con lui, è difficile non andarci d’accordo”.

Come vi dà la carica? 

“E’ genuino e positivo, è così davanti alle telecamere come con noi. Ci dimostra affetto e fiducia sempre, cerca di tirare fuori il meglio anche dalle cose negative. Ora speriamo che ci tiri fuori il meglio anche per domenica”.

Quanto serve conoscere già i compagni?

“E’ un valore aggiunto. Conoscevo tanti miei compagni, è stata una nota positiva: anche chi non conoscevo mi ha fatto sentire parte integrante, è stato importante”.

Ti trovi bene nel ruolo?

“Il play lo sento più mio, ma posso anche fare altro. Ma il play è il mio preferito”.

In passato sei stato spesso in azzurro:

“Vengo da un infortunio lungo al crociato, sono stato in azzurro giovanissimo e vorrei tornarci. Ma tutto questo passerà dal Toro, ci sono tanti centrocampisti che stanno facendo bene. Spero di meritarla anche io, è un privilegio e un sogno per tutti”.

Cosa ti manca per la Nazionale?

“La continuità ti porta ad arrivare a grandi livelli. E’ ciò che devo trovare”.

Che partita sarà con l’Inter?

“Grande squadra e prima in classifica, in piena lotta per lo scudetto. Ha un centrocampo tecnico e fisico, servirà mettere qualcosa in più per vincere i duelli. E tireremo le somme alla fine”.

Fonte: TuttoMercatoWeb

Leggi anche: Mirabelli: “Commisso voleva Gattuso, è bravo e preparato”

ULTIME NOTIZIE

Sorry! You are blocked from seeing ads