Spezia, Italiano: “Le voci societarie non ci toccano. Questo gruppo può raggiungere l’obiettivo”

Fonte foto: profilo twitter spezia

SEGUICI SU

Ha parlato Vincenzo Italiano alla vigilia della partita contro il Sassuolo in programma domani pomeriggio alle ore 15:

Squadra abbandonata a sé stessa? “No, in questo momento, oltre alle voci venute fuori da pochi giorni, la squadra è concentratissima sul campo. E’ cambiato nulla, oltre aver letto e sentito tutto ciò che si è scritto, ma la situazione sul campo non è diversa. L’unico nostro obiettivo è per ciò che va fatto in campo durante le partite. Se in futuro cambierà qualcosa lo sapremo, ce lo faranno sapere ma per noi in questo momento è tutto tale e quale a prima”.

Si è chiuso il mercato e non è arrivato il terzino destro: a breve rientrerà Mattiello e potrà avere nuove alternative: “Sulla corsia di destra il fatto che si poteva intervenire è dato dal recupero non in pochissimo tempo di Mattiello, l’infortunio di Ferrer e quindi avevamo in teoria bisogno di qualcosa. Mattiello presto tornerà in gruppo, sta riprendendo, lo sfrutteremo. Ferrer uguale, siamo questi e da qui alla fine cercheremo di battagliare con queste armi. Per le restanti partite questo gruppo cercherà di fare quel miracolo che ci eravamo prefissati all’inizio”.

Si complica il girone di ritorno dopo il mercato delle altre? “Io penso che in qualsiasi caso tutti gli anni il ritorno è sempre un campionato diverso. Squadre che iniziano a far punti perché lo richiede la classifica, squadre che iniziano ad inanellare vittorie su vittorie, qualcosa cambia, perché viene fuori l’orgoglio da parte di tutti, il campionato diventa complicato, iniziano a pesare i punti, le squadre mettono più sacrificio e più attenzione. Quindi sia che ti rinforzi, che non lo fai, il campionato è sempre stato così, si modifica tutto e noi dobbiamo cercare di fare attenzione, di commettere meno ingenuità e credo che abbiamo sempre dimostrato quell’approccio per far bene che deve essere proposto fino alla fine”.

I tifosi le hanno mostrato il massimo sostegno, sia a lei che alla squadra: come la fa sentire? “Sono convinto che questi attestati di fiducia, perché questa è, ce la siamo guadagnata mostrando quanto detto prima, mettendo tutto l’impegno immaginabile e penso che la gente lo abbia riconosciuto. Poi possiamo sbagliare, fare errori, sbagliare partita, che è successo pochissime volte, ma siamo contenti di quanto trasmesso alla gente e siamo felici che siano tutti dalla nostra parte. Riconoscendo anche le nostre difficoltà e la bravura degli avversari, cercheremo di arrivare alla fine con quello che eravamo riusciti ad esaudire lo scorso anno con la promozione, sognando con tutte le nostre forze di ottenere l’obiettivo prefissato all’inizio”.

Che Sassuolo si aspetta? “Il Sassuolo è una realtà di questo campionato. Complimenti alla società, all’allenatore, giocano un calcio bello da vedere, organizzatissimo. Ormai giocano da anni insieme, loro cercano sempre di fare la partita, con tante squadre ci riescono e noi cercheremo domani di non farli ragionare, cercando di proporre quanto preparato in 3-4 giorni e poi come detto prima, cercare di fare punti, di lottare su ogni palla come se fosse l’ultima e tirare fuori qualcosina in più tutti perché è giusto che sia così. Se ci teniamo a raggiungere l’obiettivo, non solo a chiacchiere, lo dobbiamo fare anche durante le partite”.

La concorrenza nel mezzo aiuta ad alzare il livello delle prestazioni? “Sicuramente. Il fatto di avere doppioni in ogni zona del campo ci aiuta ad andare più forte, aumenta l’intensità e il fatto di essere più precisi, più qualitativi e sono convinto che da qui alla fine questo aspetto ci darà una grossa mano per crescere, maturare, alzare il livello e avere quella qualità che paga sempre”.

Cosa deve fare lo Spezia per sfruttare le caratteristiche di Galabinov? “In questo momento lui deve lavorare e cercare di crescere in condizione. L’infortunio lungo e grave non lo ha aiutato, la sua stazza ha bisogno di gran lavoro e tempo per riportarlo in condizione per cercare di essere quello di inizio stagione, dove è stato il nostro trascinatore, ha fatto gol importanti. Deve pensare a lavorare e cercare di tornare quello di inizio stagione, poi lo sa quello che penso io e quello che pensano i suoi compagni. Deve tornare ad essere al top per quello che ha dimostrato e ha mostrato ad inizio stagione, sono convinto tornerà ad essere decisivo come all’inizio”.

Fonte: TMW

LEGGI ANCHE: GASPERINI: “QUALCUNO DICE CHE L’ATALANTA NON DOVREBBE ESSERE IN QUELLE POSIZIONI”

COMMENTA L'ARTICOLO