Skriniar:”Juve? Non sarà un problema. Migliorato molto grazie a Conte”

Inter, parla Milan Skriniar, l’uomo in più dello scacchiere di Conte

Milan Skriniar era con la valigia in mano ad inizio stagione e invece ora è tornato ad essere un punto cardine per l’Inter di Antonio Conte che viaggia a vele spiegate verso l’obbiettivo scudetto. Il difensore slovacco ha rilasciato un’intervista a Tuttosport di cui raccogliamo i passaggi più interessanti.

Skriniar, la Juve e Conte

Una risposta interessante fornita da Skriniar è quella riguardante il momento della Juventus, appena eliminata dalla Champions, non che una delle principali rivali dell’Inter nella corsa scudetto. «Juve arrabbiata? Non penso sarà, perché credo che anche finora avessero fatto di tutto per provare a vincere le partite, quindi non credo cambi molto. Noi piuttosto dobbiamo essere concentrati sui nostri obiettivi e pensare sempre ad alzare il livello». Dalla Juve ad un ex juventino come Conte, suo attuale allenatore:«Questa non è più la Pazza Inter, ma l’Inter di Conte. […] Cosa ho imparato con lui? Con la linea a cinque non avevo mai giocato e all’inizio  è stato difficile. Lui però è bravissimo nel far capire bene cosa chiede ai giocatori e questo, ogni giorno, ti migliora. Se oggi sono un difensore completo, è grande merito suo.»

La promessa in caso di scudetto

Infine una piccola promessa in caso di scudetto:«Cosa farò se l’Inter vincerà lo scudetto? Me lo tatuerò sulla pelle. Dovesse accadere, sarebbe un momento da ricordare per sempre». Una speranza che nutrono milioni di interisti anche grazie al “muro” Milan Skriniar nella granitica difesa nerazzurra.

Leggi anche: Inter, Kolarov ai box: il serbo a rischio per il Torino

 

ULTIME NOTIZIE

Mondocalcionews.it, il sito di riferimento per i veri appassionati.

Rimani aggiornato sulle ultime news dal mondo del Calcio. Il nostro portale, aggiornato 24 ore su 24, mette a disposizione dei lettori tutte le curiosità, risultati, statistiche, fatti e dichiarazioni del panorama calcistico mondiale, dai professionisti ai dilettanti.