Simone Inzaghi: “Ottavi? I nostri rivali non saranno felici”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Le parole di Simone Inzaghi in conferenza stampa, alla vigilia della sfida di campionato contro il Verona.

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio fresca di qualificazione agli ottavi di finale in Champions, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match contro l’Hellas Verona, valevole per l’undicesima giornata di campionato. Ecco le sue parole.

L’eredità della qualificazione agli ottavi? “Sono contentissimo per i ragazzi, la società e i tifosi, abbiamo realizzato un sogno. Adesso, dopo una grande gioia, dobbiamo essere bravi a trasferire quest’entusiasmo sul campo. Domani contro l’Hellas Verona sarà molto difficile, sta facendo un ottimo percorso nonostante abbia cambiato diversi elementi. Il loro valore aggiunto è l’allenatore, molto competente”.

Immobile riposa? “Non so esattamente ancora come sta il gruppo, soprattutto i giocatori che ho impiegato di più. Ieri abbiamo fatto solo scarico, abbiamo ancora due allenamenti e poi valuterò. Immobile è uno di quelli più affaticati. Nelle ultime due partite è uscito, gli ho risparmiato un po’ di minuti. Bisognerà fare delle valutazioni attente, anche su Luis Alberto, Leiva, Acerbi e Luiz Felipe”.

Il sorteggio di lunedì? “Qualsiasi avversario capiterà, sarà un onore affrontarlo: sono tutti mostri sacri del calcio. Sono convinto che la mia squadra non vorrà essere la cenerentola degli ottavi. Chiunque prenderà la Lazio non sarà felice”.

Reina o Strakosha? “Sceglierò di partita in partita. Sono contento di quello che ha fatto Strakosha negli ultimi anni, è un grande portiere, così come sono contento di Reina. Di partita in partita deciderò, ancora non ho fatto una scelta precisa. Sono soddisfatto di come si stanno allenando, ma non avevo dubbi”.

Il segreto del Verona? “L’organizzazione che gli dà il proprio allenatore. Hanno dei giocatori che abbinano qualità e quantità. Dovremo fare massima attenzione, l’anno scorso abbiamo pareggiato e vinto con loro ma sono state due partite tirate”.

Pereira? “Penso che sia un giocatore con tanta qualità. Può fare sia la mezz’ala che la seconda punta, è generosissimo e lo dicono anche i suoi valori fisici. Complice l’assenza di Muriqi ci siamo trovati corti in attacco. Si è inserito nel migliore dei modi nel nostro sistema, sono contento di lui”.

Cosa manca in campionato? “Saremo sempre molto impegnati, anche se la Champions è finita. Avremo 4 partite prima di Natale da fare al meglio. Dobbiamo avere più continuità: in campionato abbiamo raccolto 17 punti, ma potevano essere di più visto tutto quello che abbiamo passato tra infortuni e Covid”.

Foto: Twitter ufficiale Lazio.

COMMENTA L'ARTICOLO