Serie A, la proposta di Paolo Liguori per finire il campionato

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Continua il dibattito sulla ripresa della Serie A?

Riprenderà il campionato di Serie A 2019/2020? Forse sì, forse no. Mentre si avvicina il fatidico Consiglio Federale del 28 maggio che dovrebbe sancire ufficialmente la ripresa della stagione, continua il dibattito su come concluderla. E alle tante opinioni e proposte si è aggiunta anche quella del noto giornalista Mediaset Paolo Liguori.

La proposta di Paolo Liguori per la ripresa del campionato

In un video diffuso da Sport Mediaset, l’ex direttore di TgCom24 ha formulato la sua proposta per terminare il campionato: 12 giornate, concentrate in un solo stadio ogni giornata ai calci di rigore. Una formula alquanto inedita, ma che secondo Liguori, durando dieci minuti consentirebbe di avere «rischio zero» per i contagi e «risultato regolarissimo». Qualcuno potrebbe obiettare, per esempio, che così verrebbe meno la bellezza del gioco e a tale osservazione il giornalista risponde:«La bellezza del gioco, finché non tornerà la serenità, non la potremo più vedere perché non abbiamo la bellezza dentro».

12 giornate di campionato ai calci di rigore: una proposta attuabile?

Una proposta, quella di Paolo Liguori (noto tifoso romanista) che farà certamente discutere. Difficilmente però potrebbe essere attuata. Molte società non vedono di buon occhio la soluzione dei play-off che potrebbe profilarsi se non si riuscisse a ripartire il 13 giugno. Figuriamoci una soluzione del genere, che tra l’altro sarebbe inedita nella storia del calcio mondiale. Certo, l’idea di giocare partite ai soli calci di rigore potrebbe andare bene ai calciatori che potrebbero ridurre i carichi di lavoro e forse anche il rischio di infortuni. Ma altri interessi di natura economica (vedasi alla voce pay-TV) ostacolerebbero una tale soluzione. Non resta che aspettare quale sarà la decisione dei vertici del calcio. Il futuro della Serie A e di tutto il pallone nostrano, resta intanto appeso a un filo.

FOTO: Lega Serie A Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO