Foto: logo Serie A

Demetrio Albertini dice la sua sulla possibilità che la Serie A, in vista della prossima stagione, possa prevedere 10 orari differenti per le 10 gare in programma ogni giornata. “Un cambiamento epocale? Tutt’altro“, ha detto l’ex centrocampista all’ANSA. “Piuttosto, è un servizio: in questo modo sarà possibile seguire tutte le partite delle giornate di Serie A“.

Leggi anche: Serie A, riunione d’urgenza fissata per giovedì: all’ordine del giorno gli orari pazzi del campionato “spezzatino”

Il cambiamento nasce da molto lontano“, ha proseguito Albertini. “Un tempo si giocava tutti alle 15 per la schedina, ma le cose sono cambiate. Va considerato che nelle ultime stagioni, in Serie A, solo tre partite si giocavano in contemporanea, per cui quello che stiamo osservando [l’organizzazione delle 10 partite in 10 orari differenti] non è che l’ultimo passaggio di un cambiamento in atto da tempo“.

Leggi anche: Serie A, 10 gare in 10 orari diversi: prima il sì poi il dietrofront

Fonte: ANSA

Articolo precedenteAl via Euro 2020, tutto quello che c’è da sapere sul girone B: occhio alla Danimarca
Articolo successivoReggina, le ultime di mercato: dall’incontro con l’Inter per Rivas ai contatti con il Monza