Sconcerti: “Il quarto posto è una grande sconfitta, questo non si riesce a capire”

Sorry! You are blocked from seeing ads

Il giornalista Mario Sconcerti è intervenuto questo pomeriggio a TMW Radio sui temi di giornata:

Cosa ne pensa di Real-Atalanta?

“C’è stata una superiorità netta del Real Madrid, con l’errore decisivo di Sportiello, che a questi livelli non è facile vedere, che ha indirizzato la partita e la qualificazione. Era partita molto bene l’Atalanta, si vedeva che il Real rispettava molto la squadra di Gasperini, poi è uscito il Madrid e sono emerse le differenze. Poteva andare diversamente, ha ragione Gasperini che l’hanno decisa gli episodi, però in generale in due partite la qualificazione del Real è stata legittima”.

Come si torna a vincere in Europa?

“Tornando a cercare di vincere i campionati. Abbiamo avuto una Juventus che è stata nettamente più forte delle altre negli ultimi nove anni, con il solo Napoli vero avversario per un anno. Non si sono più preparate le squadre per vincere ma per entrare in Champions. Il quarto posto è una grande sconfitta, questo non si riesce a capire”. 

Le giovanili possono salvare il movimento?

“Hanno un grande limite oggi in Italia. Da noi si diventa giocatori più tardi rispetto agli altri Paesi”.

Locatelli ha detto che al Milan non serviva più:

“Debuttò in Serie A a 18 anni ma non era pronto. Era comunque un giocatore, si vedeva, ma non bastava al Milan. L’errore è stato disfarsene completamente”.

Fonte: TuttoMercatoWeb

Leggi anche: Marcelino sulla Juventus: “Tutti pensavano che si sarebbe qualificata ma è una squadra poco costante”

SEGUICI SU

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads