Bologna corsaro all’Olimpico, per la Roma è crisi nera

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Roma in piena crisi di gioco e di risultato, battuta anche dal Bologna. Sono solo 4 i punti conquistati dai giallorossi in sei partita dall’inizio del 2020, a cui si aggiunge l’eliminazione dalla Coppa Italia. Una squadra allo sbando totale, che sembra aver perso ogni tipo di riferimento.  Difficoltà di gioco, di condizione atletica e di mentalità che mettono a fortissimo rischio il quarto posto. Meritatissimo il successo degli emiliani, che dominano gran parte del match e rischiano di dilagare. La partita inizia subito male per i giallorossi, puniti da Orsolini sul primo vero errore stagionale di Smalling. La reazione della Roma non è particolarmente brillante ma porta comunque al pari, grazie ad un’autorete di Denswil su cross di Kolarov. Passano appena 4 minuti e la squadra di Mihajlovic torna in vantaggio con un tiro di Barrow deviato in rete da Santon.

Il Bologna va spesso vicino alla terza rete, che trova poi in apertura di ripresa con Barrow. Nell’occasione, ancora una volta disastroso Mancini nell’uno contro uno. L’ex Atalanta, ad esclusione dell’ottimo periodo giocato da mediano, continua a palesare enormi difficoltà nelle letture difensive. Una Roma ormai allo sbando e fischiata da tutto lo stadio, riesce comunque a tornare in partita con un colpo di testa di Mkhytaryan su cross di Peres. Espulso Cristante, i giallorossi, seppur in inferiorità numerica, si riversano in avanti, spinti da un ottimo Carles Perez e sfiorano il pari con Dzeko ma Skorupski è bravissimo in entrambe le occasioni. Gara che termina tra i fischi incessanti dell’Olimpico. Da segnalare anche il brutto episodio che ha visto Kolarov rispondere con gesti eloquenti alla contestazione del pubblico nei suoi confronti.

COMMENTA L'ARTICOLO