Roma, Fonseca: “Kumbulla pronto per giocare, Smalling sarà convocato”

L’allenatore della Roma, Paulo Fonseca, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta di Firenze per la partita contro la Fiorentina:

Fiorentina-Roma significa dare delle risposte anche a livello difensivo. Kumbulla e Smalling sono pronti? “I numeri dicono questo, la squadra ha sofferto più di quanto vogliamo. Dobbiamo capire però una cosa, vediamo l’ultima partita. Quante volte il Milan ha creato pericoli? Noi siamo stati sempre equilibrati. Siamo noi a crearci problemi, facendo errori. Non è un problema organizzativo, ma di decisione o di perdere palloni in fase di costruzione. Noi dobbiamo capire se la squadra ha pressione e può giocare o no. Con il Milan non avevamo la loro pressione, ma abbiamo sbagliato. Stiamo lavorando per capire meglio questi momenti. Kumbulla è pronto per giocare e giocherà, Smalling sarà convocato”.

Farà turn over con Mayoral? “No, giocherà domani. E’ vero che abbiamo avuto tante partite, ma il problema è che con tanti problemi con i difensori è difficile gestire gli altri come Mancini, Cristante, Karsdorp e Spinazzola. In questa gara cambieremo due o tre giocatori”.

Chi giocherà in porta? “Pau Lopez”.

Quando si alza il livello Borja Mayoral non emerge. Un caso o non è ancora pronto? “Il calcio italiano è difficile per tutti gli attaccanti. Lui è giovane e sta arrivando ora. Se Borja segna va tutto bene, se non segna va male. Io non posso vedere le cose così. Vale anche per Dzeko: se segna va tutto bene, se non segna non va bene”.

Il 3-5-2 può essere una soluzione? “Noi abbiamo difeso in 3-5-2 nella partita. Era chiaro per tutti. Il problema è che abbiamo fatto errori in fase di costruzione che non possiamo permetterci”.

Far toccare tutti questi palloni al portiere porta vantaggi? “E’ importante fargli toccare palloni. Se abbiamo la palla e non abbiamo soluzione che facciamo? Diamo la palla agli altri o giochiamo? La differenza è quando possiamo giocare e quando no. Quando la squadra ha forte pressione non possiamo rischiare. Nel caso di Pau che ha sbagliato il passaggio la pressione non c’era e potevamo giocare. Ha sbagliato il passaggio e poi c’è stato il gol. Ma non c’era pressione, è stato un errore di passaggio”.

In certi casi è un limite diventare riconoscibili? “Non sono d’accordo. Tutte le squadre hanno identità. Guardiamo le squadre più forti: ci sono 7 squadre che vogliono arrivare nei primi 4 posti. Tutti hanno identità? Tutti cambiano le intenzioni di giocare? Non mi sembra. Milan, Lazio, Napoli, Atalanta, Juventus giocano sempre nello stesso modo. Quello che cambia è la strategia in ogni partita. Posso fare un esempio: siamo una squadra che normalmente pressa alto. Contro il Milan non lo abbiamo fatto, è la strategia ma l’identità non cambia”.

Fonte: TMW

LEGGI ANCHE: NAPOLI, RISCONTRATE ALCUNE ANOMALIE SULLE CONDIZIONI DI OSIMHEN

ULTIME NOTIZIE

Mondocalcionews.it, il sito di riferimento per i veri appassionati.

Rimani aggiornato sulle ultime news dal mondo del Calcio. Il nostro portale, aggiornato 24 ore su 24, mette a disposizione dei lettori tutte le curiosità, risultati, statistiche, fatti e dichiarazioni del panorama calcistico mondiale, dai professionisti ai dilettanti.