Ripresa Serie A, Ranieri: “Tamponi prima ai cittadini”.

Claudio Ranieri Sampdoria
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

L’ALLENATORE DELLA SAMPDORIA HA ESPRESSO LA PROPRIA OPINIONE RIGUARDO LA RIPRESA DELLA SERIE A E AL PROTOCOLLO DA SEGUIRE

Nei giorni della “contrattazione” tra Serie A e Governo per la ripresa della Serie A, l’allenatore della Sampdoria Claudio Ranieri ha espresso parecchie perplessità: “Nessuno sa come il virus reagisca sul corpo di un atleta, chi si ne assumerebbe la responsabilità? Sulle date non ci sono certezze”.

SAMPDORIA, RANIERI: “ANCORA TROPPI MORTI”.

“Ci sono ancora troppi morti e contagiati per ricominciare. Sul protocollo? E’ giusto fare i tamponi e test sierologici ma in questo momento c’è gente che ne ha più bisogno di noi, non possiamo scavalcare i cittadini, non sarebbe né giusto e né etico”.

“PRIMA DEL CALCIO DEVE RIPARTIRE IL PAESE E SUL CALCIO…”.

Il Tecnico della Sampdoria ha concluso: “E’ necessaria prima la ripresa dell’intero Paese, hanno ragione la Pellegrini e Fognini, non esiste solo il calcio, anzi, noi essendo un sport di contatto dovremmo essere gli ultimi a ripartire”.

FOTO IN EVIDENZA: U.C. SAMPDORIA PAGINA FACEBOOK

LEGGI ANCHE: VERTICE LEGA-GOVERNO

 

COMMENTA L'ARTICOLO