Ravanelli non dà per morta la Juventus: “Ha ancora chance di vincere lo scudetto. I bianconeri mi hanno convinto”

Fonte foto: Logo Juventus
Sorry! You are blocked from seeing ads

SEGUICI SU

Intervistato da Tuttomercatoweb, l’ex attaccante della Juventus ha parlato delle possibilità che i bianconeri avrebbero ancora di vincere lo scudetto, sottolineando come molto, però, dipenda dalla partita di domani.

Fabrizio Ravanelli non taglia fuori la Juventus dalla lotta scudetto. In un’intervista a Tuttomercatoweb, l’ex attaccante dei bianconeri ha parlato delle possibilità che la squadra di Andrea Pirlo ha di vincere ancora il campionato, sottolineando però quanto molto dipendi dalla sfida di domani contro la Lazio. Queste le sue parole.

“La Juve ha ancora chance per lo scudetto ma domani affronta una Lazio che ha sempre tanta qualità. Sarà una partita difficilissima per la Juve che dovrà provare a vincere tra mille difficoltà perchè ha giocato tre giorni fa, è decimata dagli infortuni e adeso c’è anche il covid per Bentacur. E’ in in totale emergenza e affronta una squadra che viene da due risultati negativi e sarà determinata. La Lazio può vincere con chiunque in Italia, è una squadra formidabile visti i vari Leiva Milinkovic, Lazzari, Luis Alberto, Correa, Immobile. Sono giocatori fantastici e per la Juve sarà difficile”.

Per la Juve è un bivio la gara di domani? “E’ importante per tutte e due, si giocano tanto. La Juve per lo scudetto, la Lazio per la Champions”.

Ci sono ancora chance per i bianconeri di vincere lo scudetto? “La Juve ci ha sempre abituato a non mollare mai e a dare grandi soddisfazioni. Del resto lo dice il motto: fino alla fine. Finchè la matematica lo concede le speranze ci sono eccome”.

Però la squadra non ha convinto tutti: “A me ha convinto. C’è da dire che Pirlo non ha mai avuto tutti i i giocatori a disposizione e lo stesso tecnico, nuovo, non ha potuto lavorare nel precampionato e durante la stagione non ha mai potuto schierare Dybala. E’ difficile dunque poterla giudicare”.

Che ne pensa dell’Inter che pare aver preso il largo? “E’ una grande squadra che ora si mette dietro la meta campo e usa le ripartenze. Subisce poco e sta facendo bene il suo gioco. E’ lo schema che è stato utilizzato subito dopo l’eliminazione dalla Champions. Conte era partito con la mentalità di aggredire gli avversari, poi visto che la difesa subiva gol è tornato al vecchio stile e l’Inter è diventata più solida e sfrutta col contropiede le caratteristiche dei suoi giocatori”.

Fonte dichiarazioni: Tuttomercatoweb.

Potrebbe interessarti anche: le richieste dell’Atalanta per lasciar andare Gosens.

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads