Roberto Pruzzo: “Senad Lulic è il mio mito, con quelli come lui si va lontano”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Roberto Pruzzo è stato uno dei più grandi attaccanti della storia della Roma. In maglia giallorossa, oltre a montagne di gol, ha vinto uno scudetto e ha disputato una finale di Coppa Campioni. Ciò nonostante, negli ultimi anni, il popolare “bomber” ha fatto parlare di sè soprattutto per gli attacchi ai colori giallorossi. Che ci sia una componente di rancore per non aver mai trovato un incarico nella Roma? Dopo aver attaccato Smalling qualche settimana fa, salvo poi essere costretto a ritrattare tutto per via delle grandi prestazioni dell’inglese, Pruzzo ha lasciato un’altra dichiarazione che farà infuriare il popolo romanista. Intervenuto ai microfoni di Radio Radio, dove è ospite fisso, ha dichiarato quanto segue:

Senad Lulic è il mio mito. E’ un operaio che ogni tanto va fuori giri ma con uno come lui ogni situazione si può risolvere, soprattutto quando hai una manovalanza simile. Dimostra quando si può essere utili in un contesto di alto livello come quello della Lazio. Ha 33 anni ma è ancora bello tosto, con giocatori così si va lontano”.

Considerando che Senad Lulic è il simbolo della vittoria nella finale del derby di Coppa Italia del 2012, queste dichiarazioni non faranno sicuramente piacere al tifoso giallorosso, che si rispecchia sempre meno nelle parole del suo ex centravanti. Pruzzo, tra l’altro, è anche inserito nella Hall Of Fame della Roma. A conclusione del suo intervento, Pruzzo ha anche speso qualche parola per Lorenzo Pellegrini:

“Pellegrini è un giocatore forte, moderno. Fa bene la Roma a motivarlo, deve essere il capitano per i prossimi 10 anni. La Roma è una squadra molto forte, davanti ha calciatori che hanno in pochi. La classifica si può migliorare, nulla è vietato. A volte la squadra sembra troppo sicura di vincere ma ha un gruppo di giocatori di alto livello. Fonseca è entrato alla grande nel sistema Roma e nel calcio italiano. Deve consolidare giovani campioni come Pellegrini, Zaniolo e lo stesso Kluivert”

COMMENTA L'ARTICOLO