Pioli annuncia: “Ibra non ci sarà. I numeri dicono che siamo i più forti in Italia”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Il tecnico del Milan Stefano Pioli ha risposto alle domande dei cronisti in conferenza stampa, alla vigilia del big match contro la Juventus.

Stefano Pioli, allenatore del Milan, è intervenuto in conferenza stampa, rispondendo alle domande dei giornalisti, alla vigilia del big match di San Siro contro la Juventus. Queste le sue parole.

La Juve che si aspetta domani? “Mi aspetto una squadra in crescita, ha dovuto cominciare un nuovo percorso e ci sta perdere qualcosina ma è una squadra forte, ben messa in campo, difficile da prendere perché hanno ottimi palleggiatori. Dobbiamo affrontarli in modo lucido dal punto di vista tattico, ma affronterà un Milan forte”.

Quale record sente più suo? “Sono dati importanti che testimoniano la qualità del nostro lavoro ma non deve cambiare i nostri obiettivi. Domani non dobbiamo distrarci”.

Come vive questa vigilia? “Rimane Milan-Juve per la storia e il blasone dei due club, per l’importanza e il numero dei tifosi, lo sappiamo che si tratta di una gara importante. Ma siamo alla 15esima di campionato, la nostra è una maratona, non è una gara decisiva ma una gara importante. Loro stanno bene ma anche noi lo siamo, vogliamo giocare bene”.

Leao è il vice-Ibra? “Ho rimproverato Ibra per aver messo l’immagine sui social ma non sarà della partita domani. Leao sta crescendo tanto ma non ha le stesse caratteristiche e dobbiamo sfruttarle nel modo giusto. C’è volontà di crescere e migliorare giorno per giorno”.

Occasione per dimostrare il valore? “Ogni gara lo è, dobbiamo solo pensare alla partita. Gli avversari sono di qualità ed esperienza”.

La gerarchia del campionato è cambiata? “Per noi si, abbiamo fatto 17 punti in più rispetto all’anno scorso. La strada è quella giusta ma non possiamo parlare di partita decisiva alla 15esima, noi affrontiamo tutte le gare come partita decisiva. Sarà una gara importante”.

Le fa effetto la dimensione di uomo-copertina? “La cosa che mi gratifica è il riconoscimento del club nei miei confronti e dello staff per il lavoro che svolgo. Lo vivo con molto equilibrio e attenzione”.

Contento per un pareggio domani? “Se tu approcci alla gara pensando al pareggio è la strada più vicina alla sconfitta. Ce la giochiamo, ci prepariamo per cercare di vincere. Sono contento se i ragazzi danno il massimo”.

Giocare dopo l’Inter influisce psicologicamente? “Non influisce, noi prepariamo la partita al di là degli avversari, poi la classifica è presto per guardarla”.

Emergenza a centrocampo: Krunic o altre soluzioni? “Sempre, si prepara la strategia iniziale poi c’è sempre un piano B se le cose non vanno”.

Siete la squadra più forte d’Italia? “Fino ad oggi è così, i numeri dicono questo, sono d’accordo con quello che ha detto Kjaer. Dopo la partita con il Benevento ci sta dire che siamo i più forti, ce la giochiamo fino alla fine”.

Mercato? “La società sa che ci sarà la possibilità ci faremo trovare pronto”.

Conti è sul mercato? “Nessuno sul mercato. Giocatore affidabile, le gerarchie sono cambiate ma il calcio dimostra continuamente che cambiano facilmente a seconda delle prestazioni”.

Scudetto? “Dobbiamo continuare in questo modo, proseguire con questa attenzione e qualità, serve intensità e qualità”.

Krunic? “E’ la squadra che deve stare bene in campo, Krunic sta con noi per merito e caratteristiche, non gli dirò nulla di particolare, ma solo di avere attenzione”.

L’approccio che vuole vedere? “A Benevento mi aspettavo un inizio così così, avevamo bisogno di riposare e nella prima partita dell’anno puoi pagare un pò. Poi ci siamo sciolti e domani staremo meglio dal punto di vista mentale e fisico rispetto al Benevento. sarà una gara da leggere, quando pressare o far giocare l’avversario. L’aspetto più importante è la lucidità”.

La sua esperienza alla Juve? “Ero diciottenne, sono entrato in uno spogliatoio di grandi uomini che mi hanno insegnato tanto. Scirea, Tardelli, Paolo Rossi, ne sono uscito più adulto e maturo, con insegnamenti importanti per la crescita professionale”.

Fonte dichiarazioni: Tuttomercatoweb.

Potrebbe interessarti anche: la certezza di Kjaer.

Foto: Twitter ufficiale Milan.

COMMENTA L'ARTICOLO