Petrachi su Pellegrini e Zaniolo: “Faremo di tutto per trattenerli”

Petrachi, direttore sportivo della Roma
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Il ds della Roma Gianluca Petrachi ha rilasciato un’intervista a Sky nella quale ha parlato della situazione riguardante il mercato della Roma. Tanti i temi toccati: dalla situazione prestiti, che coinvolge giocatori importanti come Smalling e Mkhitaryan, alle possibili cessioni di Pellegrini e Zaniolo.

“Sui prestiti bisogna aspettare e vedere come si evolve la situazione”

La prima parte dell’intervista di Petrachi è dedicata alla situazione prestiti. Un problema, questo, che avevamo già affrontato nei giorni scorsi, quando a parlare era stato il presidente di Assoagenti (per l’articolo CLICCA QUI). Sulla situazione si è espresso, appunto, il direttore sportivo dei giallorossi: <<I giocatori in prestito da noi si sono trovati bene. A parte Kalinic, gli  altri sono stati tutti titolari. Adesso bisogna aspettare e vedere come si evolve la situazione per capire come risolvere il tutto. Parlo quotidianamente con i ragazzi e credo che alla fine resteranno con noi fino al termine della stagione>>. Chiusura dedicata a Smalling e Mkhitaryan, forse tra i giocatori in prestito quelli più importanti nello scacchiere di Fonseca: <<Sono state due operazioni che ci hanno portato diversi benefici, basta vedere i numeri. Non so se riusciremo a tenerli. Sicuramente noi ci proveremo fino alla fine>>.

Petrachi: “Pellegrini rimane, Zaniolo chissà”

Pellegrini e Zaniolo, i due pezzi pregiati della Roma

Petrachi commenta anche le voci di mercato che investono sempre più insistentemente i due prezzi pregiati della rosa romanista: Pellegrini e Zaniolo. Se sulla permanenza del primo il ds ha pochi dubbi, la domanda su Zaniolo sembra un po’ scalfire il suo costante ottimismo: <<E’ vero: Pellegrini ha una clausola rescissoria, ma è altrettanto vero che lui è molto legato alla Roma e alla città. Per questo, come ben sapete, se anche un club si presentasse con la cifra richiesta, il giocatore ha la facoltà di rifiutare e restare con noi. Io ho pochi dubbi, conosco Lorenzo e so che crede nel nostro progetto. Zaniolo rappresenta invece quel tipo di giocatore che infiamma i tifosi, ne siamo consapevoli ed anche per questo vogliamo trattenerlo. Poi il mercato si sa, ti mette davanti a tante situazioni particolari. Ma la nostra volontà al momento è questa, non ci sono dubbi>>.

Sulla situazione societaria: “Per me nessun problema al momento”

Pallotta con Friedkin, possibile acquirente della Roma

A Petrachi viene chiesto anche della situazione societaria, con Pallotta che da tempo cerca acquirenti o, quantomeno, soci: <<Io al momento non vedo nessun problema, non ci è mai mancato nulla. Mi sento costantemente con Fienga (CEO Roma) e grazie a lui ho sempre un punto di riferimento affidabile. Quando ho chiesto che fossero rifatti i campi, si è fatto; adesso ne sta nascendo addirittura un quarto. Questo è un problema che potrebbe nascere nel momento in cui ci sarà da fare una valutazione seria sul futuro e sul mercato: la situazione legata al Covid ha rallentato tutto in tal senso, ma le risposte arriveranno>>.

Petrachi sul suo futuro alla Roma

Alla domanda sul suo futuro nella Roma, Petrachi risponde così: <<Escono sempre fuori delle notizie che hanno poco a che fare con la realtà dei fatti. Io forse sono una persona scomoda: non regalo nulla da un punto di vista mediatico, cerco di fare bene il mio lavoro con estrema riservatezza e spesso rifiuto un caffè da questo o quell’altro giornalista. In un ambiente come Roma non è semplice, se sei fatto così vieni costantemente attaccato e forse anche per questo non si vince nulla da vent’anni. Problemi che, voglio sottolinearlo, non hanno nulla a che fare con la nostra splendida tifoseria, sempre passionale e sentimentale. Comunque, tornando a me, per il momento ho la fiducia della società e questo mi basta e avanza. Quando non mi vorranno più, a comunicarmelo saranno Pallotta e Fienga>>.

Per l’articolo completo su Sky Sport.it–>CLICCA QUI

Fonte foto: Corriere dello Sport/ Il Messaggero/ Fantacalcio.it

 

COMMENTA L'ARTICOLO