Pea: “Se quella contro il Bologna è una bella Juve, cambio sport.Il Milan non sarà mai una big”

Sorry! You are blocked from seeing ads

Le parole del giornalista di fede bianconera Claudio Pea ai microfoni de “I Tirapietre”

3 punti contro il Bologna e successo in Supercoppa. L’ultima settimana della Juventus è stata molto positiva, utile per riscattarsi dalla disfatta di San Siro contro l’Inter. I bianconeri credono ancora nello scudetto, nonostante il ritmo costante di Milan e Inter. Le parole del giornalista juventino Claudio Pea sulla situazione del club e delle altre squadre:

“Supercoppa ai bianconeri? Avrei preferito invece dei punti in campionato. Grande ammucchiata in campionato? Alla fine godono tutti. Il Napoli ha già perso sei partite quest’anno, non credo che una squadra con sei sconfitte nel girone d’andata possa ambire allo scudetto. Ma soprattutto perdere a Verona una partita che stava vincendo ed aveva in pugno, non lotterà per il titolo”.

“Il Milan l’ho già escluso, il 3-0 dell’Atalanta è molto pesante. Gli orobici hanno bisogno di giocare con grandi squadre per mostrare di essere una grande. Il Milan non è una big, non lo sarà mai. L’Atalanta è più forte dei rossoneri, così come il Napoli e la Juventus, tra un po’ lo dimostrerà anche l’Inter. Juventus? Non capisco perché Morata debba entrare all’ottantesimo, poi ce lo dirà il maestro Pirlo. Ma se quella vista a Bologna è una grande Juventus io mi dedico ad un altro sport. Insigne? Colpa di Gattuso che gli ha fatto tirare il rigore. Gattuso? Non l’ho mai amato troppo come tecnico, ma come uomo mi piace tantissimo. Le sue squadre non hanno mai imposto il loro gioco, ballando sempre in difesa, non so come si faccia a prendere quei gol”

Fonte dichiarazioni: TuttoJuve

SEGUICI SU

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads