Parma, D’Aversa: “Non è una finale domani. In questo momento tutti in squadra sono importanti”

Fonte foto: Sito Ufficiale Parma
Sorry! You are blocked from seeing ads

SEGUICI SU

Mister Roberto D’Aversa è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match di domani pomeriggio Benevento-Parma. Il tecnico dei ducali ha toccati diversi temi. Queste le sue parole raccolte da Tuttomercatoweb:

DOMANI COL BENEVENTO SI TRATTA DI UNA FINALE?

“La parola finale non mi piace perché quando le cose non vanno come vogliamo può sembrare tutto finito. Per loro vale tre punti, per noi sei, dobbiamo portarla a casa a tutti i costi. Vengono da una vittoria con la Juve. Ho detto ai ragazzi che dobbiamo ragionare su noi stessi in questi 52 giorni, per compiere l’impresa. Credo nella squadra, se siamo in questa classifica significa che non tutti han dato il massimo. Ora dovremo farlo, sono convinto raggiungeremo il nostro obiettivo. Dobbiamo andare lì a vincere, la partita è importante”.

AVETE LAVORATO SUGLI ERRORI?

“Di solito gli errori si analizzano quasi sempre, poi fare video o altro dipende se sono utili o meno. In queste settimane si è lavorato sulle tematiche che ci hanno portato risultati in passato. Quando si analizzano gli errori non si fa per dare responsabilità al singolo, dove c’è la possibilità si cerca di migliorare e come ho detto ai ragazzi non posso rimproverargli nulla durante la settimana. Se per ora questo non è bastato, nonostante le prestazioni che ci sono state tranne con il Bologna, vuol dire che qualcosa si è sbagliato e ci deve servire per il finale. La volontà di tutti è di non commettere errori, dobbiamo migliorare l’aspetto. Fare l’impresa dipende solo da noi”.

SUL BENEVENTO:

“Questa partita la stanno caricando molto se leggete i giornali. Troviamo una squadra diversa dall’andata, oltre al sistema di gioco. Con Juve e Spezia hanno giocato a 5, nel resto del campionato a 4, sono cambiati rispetto all’andata. Sono una squadra esperta con giocatori di categoria, faranno partita per fare risultato e chiudere il discorso salvezza. Noi sappiamo non sarà semplice, dobbiamo andare lì a cercare di vincere e per farlo dobbiamo essere equilibrati, non subire reti, e ragionare su pregi e difetti. Da parte nostra dobbiamo avere l’intenzione di fare risultato pieno”.

COME AVETE AFFRONTATO QUESTA SOSTA?

“Cambia il modo di affrontare gli allenamenti dopo una vittoria o una sconfitta. Questi ragazzi dal primo giorno si sono messi a pedalare, per quanto riguarda i carichi, chi è rimasto, si è messo a lavorare. Poi la maggior parte erano fuori in nazionale e non si è lavorato. Credo che un risultato positivo o negativo ti faccia cambiare l’entusiasmo con cui approcci al lavoro, ma come ho detto anche dopo partite pareggiate come se fossero sconfitte, perché i nostri pareggi, moralmente, erano come sconfitte, non hanno mai comportato il lavoro quotidiano e settimanale in preparazione alla partita”.

SU PIPPO INZAGHI:

“Sapete nell’anno della Lega Pro il campionato che c’è stato. Ho un ottimo rapporto con Pippo, è un amico, penso sia un ottimo allenatore e il pregio maggiore è l’umiltà: quando parli di calcio con lui è umile nonostante la sua carriera. Penso diventerà un grande allenatore. Detto questo, penso che entrambi domani proveremo a vincere la partita, com’è giusto che sia”.

SULLE CONDIZIONI DEGLI ATTACCANTI:

“Ormai mi conoscete bene, è chiaro che parlerò con loro, ci ho parlato ieri e li ringrazio perché hanno anticipato il rientro e questo mi rappresenta che, pur essendo giovani, hanno senso di appartenenza e oggi come oggi non è una cosa comune. E ci tengo a ringraziare anche Cornelius e Conti, che hanno fatto di tutto per essere presenti pur non essendo in condizioni ottimali per partire dall’inizio e pur rischiando anche un eventuale ricaduta. E’ chiaro che parlo con loro, aspetto oggi, la notte, domattina ci riparlerò. C’è chi ha recuperato di più, chi meno, e in base a questo decideremo l’undici che andremo a mettere in campo ma da quel punto di vista sono sereno. A prescindere dall’undici ci sarà chi subentra, valuteremo tutto. Mi sento di dire che in questo momento c’è bisogno di tutti, dall’esperto Pellè, Cornelius, Gervinho, c’è bisogno del giovane Mihaila, Man, Karamoh. Il Parma ha bisogno di tutti, di una squadra, in questo momento tutti sono importanti. E se in questa settimana non ho potuto lavorare con tutti perché in dieci non c’erano tra nazionali vuol dire che qualità ce ne sono. Alibi non ne vogliamo, infortuni, squalifiche, assenze pesanti, ma noi andremo a Benevento per fare il risultato positivo”.

LEGGI ANCHE: Inter, Conte: “Riprendiamo da dove avevamo lasciato. Ora zitti e pedalare per fare del nostro meglio fino alla fine del torneo”

LEGGI ANCHE: Pagliuca non manda giù quel ’98: “Ci rubarono uno scudetto in quella stagione. Con la Var avrei un trofei in più”

Fonte Dichiarazioni: Tuttomercatoweb (Niccolò Pasta)

 

 

 

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads