On field review e comunicazioni segrete: ecco come cambierà il Var

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Ecco come cambierà il Var

Lo scorso 9 Aprile l’IFAB, International Football Association Board, ha approvato una serie di modifiche che entreranno in vigore a partire dal prossimo 30 Giugno. Queste modifiche, causa Covid, potrebbero però essere anticipate ed essere attive già alla ripartenza(?) dei campionati. La decisione finale spetterà alle singole federazioni che prima di ritornare in campo sceglieranno se terminare la stagione con le nuove o vecchie regole.

On field review

Quello su cui si lavorerà sarà l‘on field review, ovvero il momento in cui un arbitro va a rivedere al monitor una determinata azione di gioco. Fino ad adesso la discriminante per la revisione era per “chiaro ed evidente errore“, ma l’idea dell’IFAB era quella di spingere l’arbitro ad un maggior utilizzo del video. In sostanza, ogni volta che un azione causi delle irregolarità messe su un piano puramente  “soggettivo”, il direttore di gara deve esaminare tale irregolarità sul monitor e quindi prendere una decisione.

Comunicazioni segrete

L’altro aspetto che si vuole modificare riguarda le comunicazioni: sempre secondo indicazione dell’IFAB i metodi di comunicazione esistenti devono essere migliorati in modo che i tifosi possano comprendere meglio la procedura di revisione e sopratutto le decisioni degli arbitri. Al momento le conversazioni tra gli arbitri restano segrete, quindi ne i tifosi ne gli spettatori da casa potranno sentire i dialoghi. Comunque vada, l’indicazione dell’IFAB è rivolta principalmente in Inghilterra, dove gli arbitri non sempre si sono affidati alla on field review in caso di “chiaro ed evidente errore”. Ok la cultura diversa, ok il calcio diverso, ma se c’è una regola inserita in un protocollo ufficale si deve rispettare.

Foto: wiki arbitri

COMMENTA L'ARTICOLO