Napoli-Inter, Conte: “Abbiamo dominato, ma Ospina ha fatto molte parate”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

L’allenatore dell’Inter Antonio Conte dopo il pareggio e l’eliminazione dalla Coppa Italia

Sulla partita

“Penso che nelle 2 partite noi meritavamo molto di più Ho da rimproverare poco ai ragazzi perchè questo è il calcio offensivo che voglio. Potevamo essere un po’ più cattivi sotto porta. Dispiace per il gol subito, dato che è stata una leggerezza nostra. Sono comunque soddisfatto, la partita l’abbiamo fatta noi”

Sulla poca freschezza degli attaccanti

“Noi abbiamo creato tanto, ma Ospina è stato il migliore in campo. Si può migliorare nella cattiveria, ma ho davvero poco da dire ai ragazzi. Abbiamo fatto quello che dovevamo fare. C’è rammarico perchè avremmo meritato la finale”

Sui problemi di stasera

“Sono soddisfatto e dobbiamo esserlo. Non dimentichiamo che il Napoli ha giocato una partita chiusa. In questi casi non è mai semplice per le combinazione. Nonostante questo abbiamo creato benissimo. Sono contento per Eriksen, che si sta integrando. Le statistiche parlano di una partita dominata da noi”

Sulla leggerezza nell’azione del gol di Mertens

“All’inizio dell’azione avevamo le posizioni giuste. Dopo l’angolo le abbiamo perse, commettendo diverse leggerezze. Mi dispiace, ma è importante notare che i dettagli fanno la differenza. Questa è la strada giusta”

Sulle mancanze della squadra

“Spesso e volentieri il risultato indirizza le critiche. Io sono un allenatore e mi ritengo soddisfatto. Abbiamo tirato 17 volte in porta, con più del 60 % di possesso palla. Poi mi dite che è andato in finale il Napoli, ma io sono molto felice”

Su Eriksen nel 3-5-2

“Noi non abbiamo giocato con il 3-5-2, ma magari avete visto qualcos’altro. Stiamo parlando di due cose completamente diverse. Oggi Eriksen era posizionato in modo diverso. Come trequartista lui è uno che percorre molti chilometri. Oggi è stato determinante e ha giocato davvero bene, avendo trovando una soluzione”

Fonte foto: Repubblica.it

COMMENTA L'ARTICOLO