Mondiali 2018 – Gruppo H: harakiri Colombia, sorride il Giappone

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Nella gara d’esordio del gruppo H cadono i Colombiani orfani inizialmente di James, episodio chiave dopo solo tre minuti di gioco, mani in area di Carlos Sanchez espulsione e conseguente calcio di rigore trasformato da Kagawa, si mette i discesa per i giapponesi che vincono 2 – 1.

Alla “Mordovia Arena” di Saransk si affrontano per la prima partita del gruppo H, Colombia e Giappone, l’ultimo precedente risale all’ultimo mondiale, in Brasile vinsero i sudamericani 4 a 1. Josè Pekerman è costretto a lasciare in panchina James Rodriguez non al meglio della condizione, non rinuncia comunque al consueto 4-2-3-1 fantasia con il tridente offensivo Cuadrado- Quintero – Izquierdo a sostegno dell’unica punta Falcao. Per gli asiatici Nishino scioglie ogni dubbio della vigilia e schiera una formazione a specchio lasciando Honda in panchina, unica punta Osako supportato dalla fantasia di Kagawa.

Pronti via arriva subito la svolta del match. Osako approfitta di un pasticcio di Davinson Sanchez e si invola a tu per tu contro Ospina, il portiere para ma sulla respinta arriva Kagawa a botta sicura, si oppone però il braccio largo di Carlos Sanchez, Skomina non ha dubbi rigore e cartellino rosso. A nulla valgono le proteste dei calciatori in maglia gialla, dal dischetto Kagawa spiazza Ospina, vantaggio Giappone.

Provano subito a riorganizzarsi i ” Los Cafeteros” alzando il ritmo di gioco ma sulle ripartenze i nipponici sanno essere pericolosi, Kagawa inventa per Inui che in area di rigore da posizione defilata allarga troppo di piatto. Rischia la Colombia, se ne accorge Pekerman che decide di intervenire al 31 ‘inserendo Barrios al posto di Cuadrado passando a un più logico 4-4-1. La musica non cambia però, blitz in area di Osako che sfugge alla marcatura Davinson Sanchez ma spreca malamente tendando un improbabile tiro d’esterno.

Proprio nel momento migliore degli uomini di Nishino arriva il pareggio dei Colombiani. 39′ calcio di punizione all’altezza del vertice destro dell’area di rigore giapponese, magia di Quintero che  calcia di interno collo rasoterra sotto la barriera, sorpreso Kawashima che para quando la palla ha ormai visibilmente varcato la linea di porta. 1-1 fine della prima frazione di gioco.

Il secondo tempo inizia con il Giappone che fa la partita, attende la Colombia che prova a gestire le energie dopo 45’minuti in inferiorità numerica. Osako si beve per l’ennesima volta Davinson Sanchez e arriva al tiro ma Ospina, che poco dopo si ripeterà su Inui respingendo un tiro a giro da fuori area, tiene a galla i suoi. Al 58′ allora il ct dei sudamericani si gioca la carta James al posto di Quintero.

L’inerzia dell’incontro però non cambia, al 72′ Sakai mette un fendente in area, protegge la sfera Osako che riappoggia al compagno che calcia al limite dell’arietta piccola di Ospina, solo una deviazione fortuita della difesa riesce a mandare il pallone in corner. Sugli sviluppi però dopo tante occasioni sprecate non perdona più Osako che, dimenticato da Arias, svetta di testa e porta in vantaggio il Giappone, 2-1. Provano la reazione di rabbia i colombiani ma la stanchezza si fa sentire, solo al 78′ Lerma inventa di tacco per James che di sinistro da posizione laterale non riesce ad inquadrare la porta.

Vincono i Giapponesi che possono sorridere con una bella vittoria all’esordio, rammarico Colombia per l’episodio iniziale che ha inevitabilmente condannato i sudamericani, tutto ancora da vivere il gruppo H che, come da pronostico, si dimostra uno dei raggruppamenti più equilibrati del torneo.

Colombia-Giappone 1-2 tabellino:

MARCATORI: pt 4′ Kagawa rig., 38′ Quintero; st 27′ Osako

COLOMBIA (4-2-3-1): Ospina 6; Arias 5, Murillo 5.5, D. Sanchez 5.5, Mojica 6; C. Sanchez ng, Lerma 6; Cuadrado 5.5 (30′ Barrios 6), Quintero 6 (13′ st  James Rodríguez 5.5), Izquierdo 5.5 (24′ st Bacca 5.5); Falcao 6. All. Pekerman

GIAPPONE (4-2-3-1): Kawashima 5.5; Sakai 6.5, Shoji 6, Yoshida 6.5, Nagatomo 6; Hasebe 6, Shibasaki 6.5 (34′ st Yamaguchi ng); Haraguchi 6, Kagawa 6.5 (24′ st Honda 6), Inui 6.5; Osako 7 (39′ st Okazaki ng). All. Nishino

ARBITRO: Skomina (SLO)

NOTEAMMONITI: Barrios, James Rodriguez

ESPULSI: 3′ C. Sanchez

COMMENTA L'ARTICOLO