HOME>SERIE A>Mino Raiola squalificato per tre mesi: “Mi hanno coinvolto in una storia inventata”

Mino Raiola squalificato per tre mesi: “Mi hanno coinvolto in una storia inventata”

Di Dante Bonfini - il 9 Maggio 2019
Mino Raiola, procuratore sportivo

Mino Raiola, procuratore sportivo, è stato squalificato per ben tre mesi dalla Commissione Procuratori Sportivi. Oltre lui, anche il cugino è andato incontro allo stesso destino, essendo stato fermato per due mesi. Secondo Raiola, la squalifica è dovuta per forza di cose a delle sue dichiarazioni contro la FIGC.

Al “Palazzo” non sono andati giù degli attacchi fatti dal procuratore sul tema del razzismo e sullo stato in cui versa il calcio italiano. Ai microfoni dell’Ansa ha commentato così: “La sospensione che ho subìto qui in italia non è una sorpresa. E’ stata una decisione, temo, dettata da logiche del palazzo, senza che abbiano tenuto contro della realtà dei fatti. Credo che sia a me che a mio cugino non abbiano perdonato le critiche di cui avevamo accennato sullo stato in cui versa il calcio in Italia e gli episodi di razzismo. Sicuramente ciò ha avuto un peso sulla decisione. Mi hanno coinvolto in una storia inventata ed assurda, creata ad arte, con la quale non ho nulla a che vedere. In uno stato civile come l’Italia spero che il diritto e la giustizia prevaleranno. Ho fiducia e tutto verrà chiarito. Voglio tutelare la mia libertà di parola in qualsiasi sede opportuna ed in ogni grado di giudizio”.

SCARICA L’APP DI MONDOCALCIONEWS

Una squalifica che di per se non ci voleva per Mino Raiola e per suo cugino. I campionati stanno volgendo al termine ed il Calciomercato verrà riaperto a breve. Ciò che bollirà in pentola, di certo, verrà comunque “scoperchiato” nei prossimi giorni. Intanto il procuratore più famoso d’Italia, sia per la sua potenza economica e sia per i suoi assistiti, dovrà prima di tutto fare i conti con la FIGC. L’attuale squalifica lo terrà lontano da firme e contratti dal 9 Maggio al 9 Agosto.

Il legale dei due procuratori, Massimo Diana, fa sapere che verrà richiesta la sospensione della pena ed il rito accelerato per venire a conoscenza delle motivazioni con cui è stata presa questa decisione.

 

Loading...