Milan, Pioli: “Devo decidere se Ibra o Giroud dal 1′. Kessié e Rebic non ci sono”

Foto: profilo Twitter Milan

L’allenatore del Milan, Stefano Pioli, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Bologna.

Negli ultimi tre anni Bologna e Milan hanno avuto gli stessi allenatori: è anche un confronto tra progetti?

“È un bel significato di un bel percorso, di una buona programmazione, di crescita. Sono cambiate tante cose: il calcio è fatto di step e il Bologna ha cambiato modo di giocare di partite fa. Ci aspetta un avversario molto concentrato e attento con buone qualità”.

Qual è stata la reazione post Porto?

“Sono state 48 ore abituali dopo una partita: abbiamo valutato la prestazione e poi siamo andati sul campo per lavorare e migliorare, con grande concentrazione sulla partita di domani. La Champions la riprenderemo tra due settimane, adesso abbiamo tre partite importanti”.

Come sta Ibrahimovic?

“Ha bisogno di giocare e di allenarsi. Il minutaggio sarà in crescendo, e devo ancora decidere chi far partire tra lui e Giroud”.

Il Milan sta resistendo a questo periodo difficile?

“Non è un periodo difficile, può capitare durante la stagione. Ho un organico forte e completo che può sopperire alle assenze; domani la squadra sarà competitiva, con buoni cambi e saremo pronti per far bene anche domani”.

Chi sarà disponibile?

“Rispetto alla partita di Porto recuperiamo solo Castillejo e Conti. Kessie ha una forte sindrome influenzale e non ci sarà”.

Domani festeggerai le 100 panchine in campionato:

“Sono concentrato su domani, non sapevo di questo traguardo. È normale che sia bello essere qui, mi sento bene con tutti e sto bene con tutti. Dobbiamo pensare al presente; si parla tanto del futuro, tanto del campionato, tanto della Champions: dobbiamo pensare a far bene domani. La stagione è ancora molto lunga e noi dobbiamo avere nella continuità il nostro punto di forza”.

Ibra e Giroud titolari?

“Non possiamo partire con tutte e due in campo. Quando saranno nella migliore condizione possibile potrebbe anche succedere. Pellegri ha avuto un’infiammazione e non sarà disponibile”.

Calabria potrebbe giocare a sinistra?

“Non dobbiamo guardare la classifica. Sarà importante la prestazione e cercare di vincere la partita. Calabria? È un giocatore intelligente, potrebbe anche giocare a sinistra ma se posso lo tengo a destra”.

Come valuta la crescita di Maldini?

“Daniel è forte, sta crescendo, ma si farà trovare pronto quando verrà chiamato in causa”.

Che Bologna sarà?

“Troveremo un avversario molto motivato, che sta bene. Dobbiamo essere concentrati e avere la fiducia nei propri mezzi fino alla fine”.

Leggi anche: Massimo Ferrero ha parlato del futuro di D’Aversa