Milan, parla Giovanni Galli sulla Stella Rossa e sul Derby

Fonte foto: Logo Milan

SEGUICI SU

Giovanni Galli inquadra il momento del Milan prima dei match con Stella Rossa e Inter

Giovanni Galli, ex portiere del Milan, ha parlato, ai canali ufficiali del Milan, della sconfitta contro lo Spezia prima delle due partite fondamentali di questa settimana: quella di Europa League contro la Stella Rossa, di giovedì 18 febbraio alle 20:45, e il Derby di Milano contro l’Inter, di domenica 21 febbraio alle ore 15:00. Di seguito le parole di Giovanni Galli.

Giovanni Galli sulla Stella Rossa

“La cultura della Stella Rossa, delle squadre slave, è di essere squadre tignose, che giocano molto sull’atletismo difensivo e sulla fantasia in attacco. Sono duri, i difensori menavano a più non posso. È nel loro DNA a livello difensivo. Addormentano la partita, ma hanno grandi individualità”.

Giovanni Galli sulla sconfitta contro lo Spezia

“Il Milan deve riprendere il proprio cammino. Lo Spezia ci ha dato una lezione di gioco, ero dispiaciuto alla fine, ma li ho applauditi perché erano molto organizzati. Non avevano paura. Continuavano a pressare alto. È il calcio che a me piace. Da una parte c’era il Milan che purtroppo stava subendo una lezione di calcio e dall’altra una squadra che ha dimostrato che il calcio supera le individualità e questo mi riporta 35 anni indietro, era la filosofia di Sacchi”.

Giovanni Galli sul Derby

“Ho una sensazione in cui mai come ora si deve rubare la frase che il Derby è una partita a sé. Perché se faccio un’analisi di ciò che è successo ultimamente, ovviamente l’Inter parte avvantaggiata, ma non sempre il più forte e il più in forma vince. Intanto pensiamo alla Stella Rossa, poi ci sono solo due giorni per prepararlo. Erano anni che non c’era un Derby tra prima e seconda. È bello per il calcio e per Milano soprattutto”.

Fonte: Milanpress

COMMENTA L'ARTICOLO