Milan, Ordine: “Su Leao aveva ragione Boban. Una sola nota negativa dal mercato”

Foto: profilo Twitter Milan

Nel suo editoriale su milannews.it, il giornalista Franco Ordine ha riassunto in 3 punti la prima fase di stagione del Milan, sottolineando le note positive e negative dei rossoneri: “Un anno fa il Milan non sarebbe riuscito a vincere una partita come quella contro il Venezia. Tra le assenze e quattro ricambi lanciati nel mischione, Pioli è riuscito a superare un avversario chiuso davanti alla propria porta. Decisiva è stata la scelta di dare la 10 a Brahim Diaz e di avvicinarlo alla porta, a differenza di Calhanoglu più bravo a segnare che fare assist. Fondamentale la maturazione di alcuni giovani talenti su cui spicca Sandro Tonali, per poi passare da Diaz e Leao, vera arma in più dell’attacco del Milan. Maldini ha raccontato a Bergomi di come sia stato il portoghese il calciatore più richiesto in estate. I giovani vanno aspettati, lo dimostra Tonali, ma nel caso di Leao ha avuto ragione Boban che assicurò ai tempi che sarebbe stato un crack. Dirigenti meno competenti lo avrebbero lasciato andare per fare cassa. Il saldo negativo è rappresentato da un solo elemento. Sospendo il giudizio su Ballo-Touré, ancora non integrato con i meccanismi di Pioli. Sul conto di Florenzi invece penso che non abbia ancora retto alle aspettative“.

LEGGI ANCHEAtalanta, De Roon ai tifosi: “Vi regalo la mia maglia” ma nessuno si presenta allo Store

LEGGI ANCHEVerso Spezia-Milan, Giroud: il francese punta alla sfida del Picco dopo i problemi alla schiena