Milan-Juve e quella partita di Champions League contro il Bayern Monaco

L’ultima volta che la Juventus aveva subito una rimonta da un vantaggio di 2 reti, prima del match di martedì sera, risale alla stagione 2015/2016

Milan-Juve è stata una delle partite più incredibili di questa stagione. A pari merito ,probabilmente, con il match della seconda giornata tra i bianconeri e il Napoli, finito 4-3 per gli uomini di Sarri. Martedì sera abbiamo capito realmente la forza di Pioli nella squadra rossonera, ma anche quanto i cali mentali siano frequenti durante questo “nuovo campionato”. I 6 minuti di black-out sono costati i 3 punti alla Juventus, che dimostra anche di avere una sorta di dipendenza, in questo momento, da Dybala e De Ligt, i 2 grandi assenti. Difficilmente i bianconeri subiscono cosi tanti gol, con la solidità difensiva che è stata ,in questi anni di successi, un pilastro fondamentale. L’ultima volta che è successo alla Juve di farsi rimontare da un 2-0 non è poi cosi lontana nel tempo. Dopo la partita contro il Milan, tutti hanno ricordato il ribaltone della Fiorentina nella stagione 2013-2014, con il risultato finale di 4-2 . Ma non dobbiamo andare cosi indietro negli anni, almeno non in Serie A. La Juventus, infatti, subì una rimonta molto simile anche in Champions League, nella stagione 2015/2016. Non c’erano maglie viola o rossonere, ma quelle “total red” del Bayern Monaco, che eliminò la Juve.

BAYERN MONACO- JUVENTUS 4-2

E’ il 16 marzo 2016 e all’Allianz Arena si gioca il ritorno dell’ottavo di finale tra Bayern e Juve. All’andata i bianconeri erano riusciti a recuperare i tedeschi, con il risultato finale di 2-2. Questa volta però è il club torinese a partire forte, andando in vantaggio al 5′ con Pogba e raddoppiando poco dopo al 28′ con Juan Cuadrado. La partenza dei bianconeri sorprende Guardiola, allora allenatore del Bayern, che con un’espressione eloquente sembra dire “Siamo spacciati”. Tutto bene per Allegri fino al 73′. La rimonta dei bavaresi parte dai piedi di uno dei componenti più importanti della Juve attuale, Douglas Costa, che serve Lewandowski per l’1-2. Passano i minuti e i bianconeri sentono sempre più vicina la qualificazione ai quarti. Ma arriva il gol del pareggio. Arriva nel momento peggiore. Al 90′ Thomas Muller sigla il 2-2 e rimanda il verdetto ai supplementari. Se martedì sera l’episodio che ha causato il black-out juventino è stato il rigore di Ibra, nel 2016 fu certamente questa rete dell’attaccante tedesco. Bianconeri sulle gambe e al 108′ arriva il vantaggio di Thiago Alcantara, seguito poi dal capolavoro a giro di Coman, che fissa il risultato finale di 4-2. La Juve crolla contro il Bayern ed esce dalla Champions League, la stessa Champions League che accarezzerà in finale l’anno dopo, perdendo 4-1 contro il Real Madrid. Ancora il numero 4, come marchio di un fallimento bianconero. Forse il match di martedì sera ha altro da raccontare?

Bayern Monaco (4-1-4-1): Neuer; Lahm, Kimmich, Benatia (46′ Bernat), Alaba; Xabi Alonso (60′ Coman); Douglas Costa, Muller, Vidal, Ribery (101′ Thiago Alcantara); Lewandowski. A disp. Ulreich, Rafinha, Rode, Gotze. All. Guardiola.

Juventus (5-4-1): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli, Evra, Alex Sandro; Cuadrado (89′ Pereyra), Khedira (68′ Sturaro), Hernanes, Pogba; Morata (71′ Mandzukic). A disp. Neto, Rugani, Asamoah, Zaza. All. Allegri

LEGGI ANCHE:

Juventus Football Club, la nuova seconda maglia per la stagione 2021

Black out Juve a San Siro: Il Milan rimonta da 0-2 a 4-2

Classifiche a confronto: la Juventus ha conquistato nove punti in meno della scorsa stagione, Atalanta a +14

Fonte foto: Corriere.it