Milan, due vecchie glorie italiane per Ralf Rangnick

Milan, proseguono i preparativi per l’approdo di Rangnick sulla panchina rossonera

Continua la trattativa per portare l’allenatore tedesco Ralf Rangnick sulla panchina del Milan. Il club rossonero è strettamente in contatto con l’attuale direttore tecnico del Salisburgo per sbloccare la situazione e farlo arrivare a Milano nei prossimi giorni. L’allenatore sta già pensando allo staff in cui dovrebbero comparire anche due vecchie conoscenze milaniste.

https://www.mondocalcionews.it/serie-a/altro-indizio-di-rangnick-lo-stato-di-whatsapp-e-in-italiano/francesco-albanesi/

Il professore punta sul made in Italy rossonero: spuntano due vecchie glorie nel suo possibile staff, possibile ritorno di Braida.

Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, Rangnick starebbe pensando a due vecchie glorie rossonere nel suo staff per adattarsi meglio al calcio italiano e al Milan. Si tratterebbe di Ariedo Braida Daniele Bonera. Due profili italiani che hanno scritto la storia recenti del club rossonero in ambiti diversi. Per il primo si tratterebbe di un ritorno a Milanello. Braida, infatti, è stato uno storico dirigente nell’era Berlusconi ed è rimasto a Milano fino al 2013, diventando successivamente consulente di mercato del Barcellona. Una figura particolarmente gradita a Rangnick per la sua esperienza dirigenziale.

Bonera possibile collante tra squadra e staff tecnico

L’altro nome è quello di Daniele Bonera. L’ex difensore è già in società, dopo esservi entrato come collaboratore di Marco Giampaolo ed essere rimasto anche con l’avvento di Pioli. Una figura molto amata dai giocatori che si sta preparando ad ottenere il patentino da allenatore Uefa Pro al corso di Coverciano. Nella visione di Rangnick, è una bandiera poco ingombrante (a differenza di un certo Paolo Maldini) che potrebbe aiutarlo fortemente sul campo. Ad entrambi il delicato compito di non far rimpiangere gli addii di altre due vecchie glorie milaniste: quello già consumato di Boban e quello che potrebbe consumarsi per Maldini.  Il Milan volta pagina, ma sempre con un pizzico di cuore rossonero.

FOTO: Ralf Rangnick Twitter.