Mihajlovic:”Ora soffrire tutti insieme. Dopo sarà bellissimo…”

Mihajlović Bologna
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Dal Coronavirus, alla sua battaglia con la leucemia e al calcio, Siniša Mihajlovic a tutto tondo

Campionato fermo e Italia paralizzata dal Coronavirus. C’è anche chi le sensazioni che viviamo noi in questi giorni le vive già da tempo. Si tratta di Siniša Mihajlovic che prosegue la sua battaglia con la leucemia che lo ha colpito la scorsa estate. Il tecnico del Bologna ha parlato in una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport. Mai banale come al solito.

“Coronavirus? Giusto fermare i campionati, ho visto due guerre e stare a casa non è un problema per me”

Questo il pensiero dell’allenatore serbo sull’emergenza Coronavirus:«I medici stanno facendo un lavoro enorme, seguiamo le loro istruzioni. Mi aspetto che si finiscano il campionato e le coppe spostando gli Europei. Giusto fermare i campionati e gli allenamenti, forse andava fatto prima… amo l’Italia ma qui le decisioni si prendono sempre a metà. Se vuoi imporre le cose agli italiani o lo fai in modo netto o ti sfuggono. Per me non è un problema restare a casa, ho vissuto due guerre, passando due mesi in un ospedale senza poter aprire la finestra»

Mihajlovic e il suo Bologna

C’è spazio anche per il calcio, a partire dal suo Bologna. “Ibra? A Bologna si sarebbe divertito di più, ma gli auguro sempre il meglio. Barrow? Si è inserito bene, ma deve migliorare nella cattiveria.» e sul campionato:«La classifica attuale è giusta, la Juve è ancora la più forte. Spero che vivremo il finale di stagione tutto d’un fiato, con grande passione e senza alibi o polemiche. Quello che stiamo passando ci servirà da insegnamento. Ora dobbiamo soffrire, ma quando tutto sarà finito la normalità sarà bellissima.»

FOTO: Bologna FC Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO