Lucescu all’attacco di Fonseca: “E’ un ingrato, che soddisfazione fu batterlo”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Lucescu, ex tecnico dello Shakhtar e con un passato anche in Italia, non le manda a dire a Paulo Fonseca. Secondo il rumeno, infatti, l’attuale allenatore della Roma gli avrebbe mancato di rispetto in passato.

LUCESCU VS FONSECA

Lucescu ha vissuto uno dei momenti più alti della sua  lunga carriera di allenatore proprio alla guida dello Shakhtar. In Ucraina, il buon Mircea, ha plasmato una squadra vincente e ricca di qualità, in grado di imporsi anche in Europa. Dopo il suo addio, nel 2016, per sedersi sulla panchina dello Zenith, Lucescu fu sostituito da Paulo Fonseca. Evidentemente, però, tra i due non core buon sangue. Durante un’intervista al Corriere della Sera, l’ex CT della Romania è stato molto duro nei confronti del collega:

“Ci sono rimasto molto male del comportamento di Fonseca. Gli ho lasciato quella panchina, era una squadra meravigliosa e lui non mi ha neanche ringraziato per il lavoro che ha trovato. Sarebbe bastata una telefonata. Lui, in Ucraina, era partito con un 4-4-2 scolastico, come quello che faceva al Braga. Fu il presidente a convincergli di tornare al mio 4-2-3-1. Era un sistema di gioco che la squadra conosceva a memoria, fatto apposta per i brasiliani della rosa. Fonseca è stato fortunato in Ucraina: a me vendevano ogni anno minimo due giocatori, a lui nessuno. Poi lui ha avuto il merito di mostrare grande intelligenza e sapersi adattare. Al di là dello sgarbo che  mi ha fatto, ha le capacità per fare bene alla Roma. Nonostante tutto, provo ancora soddisfazione per averlo battuto 4-0 con il mio Shakhtar quando lui era al Braga. Se non fosse arrivato in Ucraina, non sarebbe mai arrivato alla Roma dal Braga”

Parole dure, con un certo strascico di risentimento quelle di Lucescu nei confronti di Paulo Fonseca. Il tecnico della Roma incasserà in silenzio o ribatterà alle accuse del collega?

Credits:  Uefa.com

COMMENTA L'ARTICOLO