Liverani: “Oggi appannati. Pagate tre partite in una settimana”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Fabio Liverani ha commentato la pesante sconfitta subita dal suo Parma contro la Juventus.

Il tecnico del Parma Fabio Liverani ha manifestato le proprie impressioni in merito alla debacle subita dalla propria squadra per mano di un’ottima Juventus. Ecco le sue parole.

Passo indietro difensivamente sul gol di Kulusevski: “Abbiamo fatto una pressione sbagliata, non abbiamo marcato alle spalle. Lavoriamo su questo pensiero, non si lavora sul giocatore ma su quelli che non sono sulla palla, c’è stata una disattenzione. Dispiace perché con queste squadre non ti perdonano nulla, questo è un dazio che paghiamo e speriamo di avere la forza martedì di giocare. Tre partite in una settimana le abbiamo pagate, la Juve non era la squadra da affrontare questo momento”.

Più difficile marcare in area su palla inattiva? “Credo che le marcature a uomo debbano essere più feroci, ci deve essere più cattiveria e attenzione. Se guardo la palla faccio fatica. Sui calci da fermo il concetto è evitare che chi marchi prenda palla. Se non la prendo io e nemmeno lui la palla passa, se perdo la marcatura è più problematico. Oggi eravamo più scarichi a livello mentale e fisico, il loro 1-2 ci ha tolto energie. Se fossimo andati in vantaggio ne avremmo avute di più”.

Inglese gioca poco, è una scelta tecnica? “Nella scorsa stagione ha fatto solo qualche spezzone, sta crescendo di condizione dopo il covid e un infortunio muscolare. Non era in grado di fare due partite da settanta minuti, mercoledì ha fatto un’ora, oggi trenta, la sua problematica è che se lo portiamo ad una fatica esagerata ritorniamo come ad agosto”.

Non male con le big: “Io credo che da Genova la squadra sia cresciuta, anche con il Benevento abbiamo fatto bene, così come a Milano e con il Cagliari. Abbiamo fatto fatica a fare gol, dobbiamo lavorarci, ma siamo in crescita. Oggi siamo stati appannati, ma siamo sulla strada giusta. Martedì sarà fondamentale per riprendere il cammino e per ritornare al nostro livello di prestazione”.

Foto: Twitter ufficiale Parma.

 

COMMENTA L'ARTICOLO