L’Inter dura un tempo ma vince lo stesso: 2-1 sofferto con la Samp

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

L’inter dura un tempo, 2-1 con la Sampdoria

In sofferenza ma vincente. L’inter passa nel silenzio di San Siro per 2-1 contro una Sampdoria a dir poco inguardabile nel primo tempo, ma capace di restare in partita e sfiorare un miracoloso pareggio nel secondo. Torna a segno la Lu-La, prima con il belga al 10′ dopo un cioccolatino servito da Christian Eriksen (ottima partita), poi con l’argentino che fa tap-in comodo comodo su assist di Candreva. Un Inter intensa, aggressiva e qualitativa nel primo tempo, a discapito di una seconda parte di gioco fatta sotto ritmo e sprecando chance per chiuderla. Un po il limite di quest’anno. Sampdoria, invece, troppo fuori condizione per essere vera. Le attenuanti per Ranieri ci sono, ma l’atteggiamento della prima frazione di gioco è abbastanza inspiegabile: molle, sfilacciata e poco determinata. Rimane di buono l’atteggiamento propositivo nel rimanere in partita e crederci fino all’ultimo minuto. Il gol di Thorsby al 52′ è stato l’illusione.

Le parole di Conte:

Le indicazioni che ha dato ai giocatori? Devono crescere a livello di personalità?

“Mah, guarda secondo me non è un problema di personalità. Noi nelle situazioni da rete dobbiamo fare gol, dobbiamo ammazzare il nostro avversario sportivamente. Noi ora siamo a 6 punti, siamo lì. La differenza sta nelle due partite contro la Juve, ma questa squadra ha tantissimi margini di crescita.”

Come giudichi la prova di Lautaro, Lukaku ed Eriksen?

“Hanno fatto una buona partita, ma possono fare ancora meglio. Christian oggi poteva fare anche 2 gol, deve diventare più cattivo come Lautaro e Lukaku. Con il Napoli ci siamo leccati le ferite, oggi no ma le partite vanno chiuse”.

Le prestazioni della Juve hanno dato fiducia?

“Quelle davanti a noi hanno più margine d’errore. La Juve in questi anni ha dominato e dimostrato in maniera chiara di essere superiore alle altre, ma quest’anno è più difficile. La Juventus rimane la squadra da battere, è abituata a giocare certe partite. La Lazio sta facendo qualcosa di straordinario. Noi ci vogliamo inserire e disturbarli. Noi dobbiamo dare la vita in queste 12 partite. Non dobbiamo avere rimpianti”

Foto: Twitter Inter

 

 

 

COMMENTA L'ARTICOLO