Lele Adani ricorda: “Francesco torna a casa”.

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

NELLE CONSUETE LIVE DI BOBO VIERI SU INSTAGRAM, L’OPINIONISTA ED EX CALCIATORE LELE ADANI HA VOLUTO RACCONTARE L’EPISODIO DI “FRANCESCO TORNA A CASA”.

“12 Febbraio del 2004, Semifinale di Coppa Italia, Inter-Juventus davanti agli 80.000 si San Siro e i milioni a casa, la gara finisce 2-2 e perdiamo ai rigori ma torniamo indietro di un giorno. 11 Febbraio, mi chiama uno da Brescia e mi dice che un ragazzo di 15 anni con parecchi problemi e debolezze è sparito, si rivolge al giornale di Brescia e loro mi contattano. Io mi misi a disposizione, cosa posso fare? Tu (riferito a Vieri) sei il suo idolo, io li invito il giorno dopo alla Pinetina, quando ricevo il patrigno io non volevo disturbarti, eri con me in ritiro ma era il giorno prima della partita. Io non sapevo cosa fare e non volevo deconcentrarti, vado in camera e penso, alle 16 vado dai magazzinieri dell’Inter e dico a loro ragazzi fra due ore partiamo, fatemi una maglietta e scriveteci qualcosa, io la indosserò in partita. Andiamo allo Stadio e noi entriamo io davanti a te, io e te sempre connessi, siamo 2-1 per la Juventus, il cronometro dice 94′ e 35 secondi, tu mi vieni incontro e io ti supero facendo una corsa senza senso, guidato dalla cometa chiamata calcio, tu dai la palla a Stankovic sulla sinistra, fa un cross perfetto, Emre colpisce la palla di testa e Chimenti para, io da due metri metto il piede e segno, mi rigiro, corro e vedo te chi abbracci da dietro, andiamo ai supplementari, perdiamo ai rigori e due sbagli, ancora te protagonista. In quella partita e al mio gol in Italia si toccò il picco di share negli ultimi 8 mesi, chi l’ha visto quel gol? Francesco…fragile, disperso, in un bar a Genova. Il giorno dopo Francesco torna a casa”.

INFINE IL CONCETTO FINALE

“Se io metto la maglia a te, tu nel destino quel rigore dovevi sbagliarlo, nonostante avessi fatto gol io, perchè senno l’attenzione non sarebbe andata nel posto giusto per segnalare in quel momento quel ragazzo che era a Genova a guardarci, Dio ha detto al Dio del calcio: “Tu oggi devi andare li a San Siro e deve succedere quella cosa li”.”.

L’ANNO DOPO A BRESCIA…

L’ anno dopo a Brescia Francesco venne a trovarmi e mi disse: “Grazie”, io risposi: “No, sono io che ringrazio te”.

FOTO IN EVIDENZA: Instagram Daniele Adani

COMMENTA L'ARTICOLO