Milan, Krunic: “Giampaolo mi conosce”. Spunta un nuovo nome per il calciomercato

Rade Krunic, centrocampista del Milan
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Il Milan ha ufficializzato il suo secondo acquisto. Dopo Theo Hernandez, si è presentato anche Rade Krunic ai tifosi rossoneri. Il centrocampista bosniaco ex Empoli ha rilasciato nuove dichiarazioni nella giornata di oggi, parlando anche dell’allenatore Giampaolo:

“Giampaolo sa come posso giocare, mi conosce ed è stato il mio primo allenatore in Italia. Ha grandi qualità e il suo stile, sono contento perché meritava questa chance. Spero di fare bene assieme a lui nel Milan”.

Sulle sue qualità tecniche migliori:

Penso di poter fare un po’ tutto a centrocampo. Mi sento abile nel dribbling e le progressioni in possesso di palla. Il mio idolo è sempre stato Kakà, mi piaceva il suo modo di giocare. Come caratteristiche siamo simili, anche se lui è più attaccante”.

Krunic ha già ricevuto molti messaggi dai tifosi:

“In molti mi hanno già scritto. Speriamo che vada tutto bene e che loro possano amarmi ancora

Intanto i rossoneri, anche per la presenza di Zvonimir Boban in dirigenza, starebbero sondando diversi calciatori di prospettiva di origine croata o quanto meno balcanica, viste le conoscenze dirette dell’ex numero 10 del Milan con procuratori, agenti e direttori sportivi di tale area geografica.

L’ultimo nome che sembra spuntare sul taccuino di Maldini e compagnia è quello di Josip Brekalo; pare che il Milan si sia inserito nella corsa a questo giovane calciatore croato, sul quale si sono mosse da tempo anche Inter, Sampdoria e Benfica.

Brekalo è un esterno d’attacco, abile nel giocare anche da trequartista, classe 1998. Gioca nel Wolfsburg e viene da una stagione discreta, con 25 presenze all’attivo ma sole tre reti realizzate in Bundesliga. Si tratta però di uno dei talenti balcanici più in voga del momento, avendo anche giocato da titolare l’Europeo Under 21 con la maglia della Croazia segnando una doppietta nell’ultimo match del girone contro l’Inghilterra.

COMMENTA L'ARTICOLO